ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Plastica, in Francia l'agricoltura mira al 100% di riciclaggio

Di Euronews
Germania, dicembre 2019: balle di fieno conservate in teloni di plastica
Germania, dicembre 2019: balle di fieno conservate in teloni di plastica   -   Diritti d'autore  KARL-JOSEF HILDENBRAND/AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

In questo inizio di giugno c'è un raccolto molto particolare che è in pieno svolgimento nelle campagne francesi: quello della plastica.

In Normandia, Alain Robillard sta caricando, con un trattore e un cassone, dei teloni piegati che sono stati usati per proteggere dall'ossidazione dell'aria il mais immagazzinato. È un agricoltore e ha 65 mucche da latte alimentate con mais, grano ed erba prodotti nella sua fattoria di 67 ettari.

Poi si reca in una società commerciale agricola, un punto di raccolta, a pochi chilometri dalla sua fattoria.

Una bilancia basculante viene utilizzata per pesare la quantità di plastica introdotta. "Gli agricoltori volontari aiutano a scaricare i cassoni e a controllare le consegne", spiega Hélène Guillier, della Camera dell'Agricoltura di Orne.

Devono assicurarsi che nella plastica non vi siano troppi residui di paglia, terra o sabbia, il che complicherebbe il riciclaggio. Questi controlli sono tanto più importanti quando c'è "una grande stagione di raccolta, con un picco in aprile, maggio e giugno", spiega Pierre de Lépinau, direttore di Adivalor, la società che gestisce il settore.

Teloni da insilato, sacchi, lattine, tappi e altre coperture delle serre: tutto viene raccolto qui. Il risultato per il signor Robillard sono 300 chili di plastica, tra i quali 100 di telone da insilaggio, sei sacchi di pellicola da imballaggio, un sacco di spago e tre di reti.

"Dare alla plastica una nuova vita è importante per me. I miei genitori la bruciavano", dice il contadino. "Ma così è più pulito per tutti", dice, aggiungendo: "La plastica non è una risorsa inesauribile".

Obiettivo: 100% di raccolta

Il settore del riciclaggio dei rifiuti di forniture agricole è stato creato in Francia nel 2001. È finanziato per più del 70% da eco-tasse pagate dai commercianti di prodotti, gestiti dagli azionisti di Adivalor, che rappresentano i produttori di pesticidi, fertilizzanti, plastica, prodotti per l'igiene e sementi.

"L'altra principale voce di entrata è legata alla vendita di rifiuti riciclabili", spiega il signor de Lépinau.

Nel 2020, 85.000 tonnellate di imballaggi e plastica sono stati raccolti dalle aziende agricole del paese - un aumento di 5.000 tonnellate rispetto all'anno precedente - di cui quasi il 90% è stato riciclato. In media, "l'agricoltura ricicla il 72% della plastica che usa", dice de Lépinau.

Il tasso di riciclaggio è quindi quasi tre volte superiore a quello degli imballaggi di plastica domestici (27%) raccolti in Francia, secondo le cifre pubblicate dal Ministero della transizione ecologica nella primavera del 2021.

Il settore agricolo punta ora al 100% di raccolta o addirittura al 100% di riciclaggio, nel 2030.

Per questo, a febbraio, ha firmato con Barbara Pompili, ministro della transizione ecologica, la proroga fino alla fine del 2023 dell'accordo quadro istituito nel 2016.

A livello europeo, la questione è riconosciuta. Nel 2018, si trova in diversi scambi o proposte di emendamento.

In una comunicazione della Commissione europea al Parlamento, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni, riguardante la strategia europea sulla plastica, si sostiene che "un maggiore riciclaggio della plastica utilizzata in agricoltura (come le pellicole di pacciamatura in plastica o le serre) può contribuire a ridurre gli scarichi nell'ambiente".

Una politica che non ferma l'inquinamento da plastica

Questa politica di riciclaggio è anche sostenuta dalla lobby della plastica, che ha diversi "comitati" nazionali e internazionali dedicati alla promozione della plastica in agricoltura, e che la vede come un modo per perpetuare il business dei produttori di plastica.

Un'agenzia europea per l'innovazione in agricoltura, EIP-Agri, ha lavorato nell'autunno 2020 su un rapporto sulla questione della riduzione della plastica nel settore. Il documento mette in evidenza l'inquinamento invisibile e ancora poco documentato delle micro-plastiche nel settore agricolo dovuto alla degradazione della plastica e delle micro-plastiche aggiunte ai prodotti. L'agenzia ricorda la responsabilità dei fornitori del settore, che si basa ancora molto sugli imballaggi di plastica.

Un'altra agenzia europea, l'EHCA, che lavora sulle sostanze chimiche nel territorio comunitario, sottolineava in un rapporto pubblicato nell'estate del 2019, come la metà delle microplastiche prodotte intenzionalmente siano destinate al settore agricolo, in particolare come rivestimento per granuli di fertilizzanti e semi.