ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Open Skies: la camera alta della Russia approva l'uscita dall'accordo

euronews_icons_loading
Open Skies: la camera alta della Russia approva l'uscita dall'accordo
Diritti d'autore  Chris Machian/Omaha World-Herald
Dimensioni di testo Aa Aa

La camera alta del Parlamento russo ha approvato l'uscita del paese dal trattato Open Sky, che consente voli di sorveglianza disarmata sui territori dei paesi partecipanti. La mossa arriva pochi giorni dopo la conferma che gli Stati Uniti non hanno intenzione di rientrare nel trattato, da cui erano usciti l'anno scorso per volere dell'allora presidente Donald Trump. Una decisione che l'amministrazione Biden non intende rivedere. Washington accusa Mosca di avere violato ripetutamente l'accordo. La Duma, camera bassa dell'assemblea russa, aveva già approvato il ritiro dal trattato.

"Dal punto di vista politico questa decisione rappresenta la rimozione di un altro dei pilastri del sistema di sicurezza europeo post guerra fredda - ha detto Fabrice Pothier dell'Istituto Internazionale di Studi Strategici, un istituto di ricerca britannico -. Ma, ad essere onesti, dal punto di vista operativo sia gli Stati Uniti che la Russia hanno sufficienti capacità satellitari per monitorare le postazioni militari e i movimenti dell'altro paese".

Il trattato, firmato nel 1992, è entrato in vigore dieci anni dopo con l'obiettivo di ricostruire un rapporto di fiducia tra la Russia e i paesi occidentali. L'argomento potrebbe essere sollevato nel vertice tra Putin e Biden in programma il 16 giugno a Ginevra.