ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Grecia velocissima: il "Green Pass" europeo è già pronto, in funzione prima del 1° luglio

euronews_icons_loading
Grecia velocissima: il "Green Pass" europeo è già pronto, in funzione prima del 1° luglio
Diritti d'autore  HANDOUT/AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Orgoglio greco.

La Grecia è pronta per il "Green Pass" europeo, il nuovo sistema per viaggiare sicuri all'interno dell'Unione europea, presentato in pompa magna giovedi ad Atene.

Come funziona?

Il sistema inserisce i dati nazionali dei 27 paesi in una piattaforma dell'Ue, in modo che le persone che viaggiano all'interno dell'Unione europea possano identificarsi come già vaccinate contro il Covid-19 oppure dimostrare di essere guarite dal virus di recente o di essere risultate negative all'ultimo test fatto.

Il ministro della Digital Governance greca, Kyriakos Pierrakakis, spiega:
"Abbiamo l'app greca! Questa applicazione sarà utilizzata dagli agenti di frontiera per verificare se il documento è in regola o meno. Si preme lo scanner QR e questo non è un QR classico, è un QR criptografico e si può leggere solo con l'app...".

AP
Il ministro della Governance Digitale greco spiega come funziona la app.AP

Il ministro della Digital Governance mostra il suo cellulare al premier greco Kyriakos Mītsotakīs e al presidente del Consiglio europeo Charles Michel: entrambi sembrano soddisfatti.

"Una corsia preferenziale di viaggio"

Il primo ministro greco ha sostenuto che la Grecia è tra i primi paesi a presentare il certificato, perché ha proceduto allo sviluppo della necessaria infrastruttura digitale.

Per Mītsotakīs si tratta del "miglior esempio di cooperazione europea''.

"Lo scopo non è quello di dividere i cittadini. Il certificato digitale Covid dell'Ue non è altro che una corsia di viaggio preferenziale.
Renderà i viaggi molto più facili, soprattutto durante l'estate. Questo è particolarmente importante per noi, per il nostro paese''.
Kyriakos Mītsotakīs
53 anni, primo ministro della Grecia

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel e uno dei vice-presidenti della Commissione europea, il greco Margaritis Schinas, hanno osservato che non è stato necessario un lavoro cosi complicato per rendere il certificato digitale una realtà. Basta poco, in realtà.

"La libera circolazione è una grande conquista"

"La libera circolazione delle persone è una grande conquista europea",. spiega Charles Michel, "ed è davvero importante dimostrare, dopo questa grave crisi, che siamo di nuovo in grado di garantire la libera circolazione dei nostri cittadini".

HANDOUT/AFP
Charles Michel in visita ad Atene.HANDOUT/AFP

Aggiunge Margaritis Schinas:
"Sono molto felice che siamo riusciti a produrre questo grande accordo europeo. È una prova tangibile che l'Europa può dare risultati, quando la solidarietà incontra la determinazione. Parlo di solidarietà, perché è stato molto simile a quello che abbiamo fatto sui vaccini: questo è un prodotto paneuropeo''.

HANDOUT/AFP
Margaritis Schinas è vice-presidente della Commissione europea.HANDOUT/AFP

La Grecia lancerà il certificato digitale forse già prima del 1° luglio e invita gli altri paesi europei a fare altrettanto il prima possibile.