ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La Cina scossa da due terremoti. Strade e ponti sradicati

euronews_icons_loading
La Cina scossa da due terremoti. Strade e ponti sradicati
Diritti d'autore  photo from video grab
Dimensioni di testo Aa Aa

Strade crollate e un ponte ridotto a pezzi; almeno tre vittime e venti feriti in Cina questo sabato.

Il Paese è stato scosso da due grandi terremoti, seguita da centinaia di assestamento. La prima grande scossa si è verificata nella parte sud-occidentale, al confine con il Myanmar. Almeno tre persone sono rimaste uccise e 20 ferite. Una scossa separata di magnitudo 7,3 ha fatto crollare un ponte e causato altri danni nella Cina centrale.

Il secondo terremoto ha colpito la parte meridionale della provincia di Qinghai, circa 1.000 chilometri a nord del primo terremoto nella provincia di Yunnan.

Secondo il servizio geologico le due scosse non sono collegate.

Il sisma di Qinghai è stato seguito da 453 scosse di assestamento per l'intera mattinata.

Mentre nessun morto è stato segnalato nella provincia di Qinghai, le scosse hanno strappato strade e ponti. Un ponte è crollato completamente, spezzato in diversi punti.

L'ufficio sismologico della provincia dello Yunnan ha indicato in 6.4 la magnitudo del terremoto di venerdì notte, aggiungendo che ha colpito 8 chilometri (5 miglia) sotto la superficie a nord-ovest della città di Dali.

Le scosse poco profonde spesso causano più danni, soprattutto nelle aree popolate.

Il terremoto ha causato forti scosse intorno a Dali, ma le notizie cinesi hanno mostrato relativamente pochi danni. Tre persone sono morte e 28 sono rimaste ferite.

Le autorità della provincia hanno inviato razioni di emergenza e tende alle aree colpite. Nel Qinghai, le autorità hanno istituito rifugi di sicurezza temporanei a causa delle continue scosse di assestamento.

L'anno scorso, un terremoto di magnitudo 5 nello Yunnan ha ucciso quattro persone e ne ha ferite 23.

Il peggior terremoto cinese degli ultimi anni ha colpito la parte occidentale montuosa della provincia di Sichuan, a nord dello Yunnan, nel 2008, uccidendo quasi 90.000 persone.