ULTIM'ORA
Advertising
This content is not available in your region

In Regno Unito bar e ristoranti riaprono... ma non c'è il personale

euronews_icons_loading
In Regno Unito bar e ristoranti riaprono... ma non c'è il personale
Diritti d'autore  Alberto Pezzali/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Mentre a Londra si allentano le restrizioni, il settore della ristorazione e alberghiero si sta lentamente rimettendo in modo. Ma molti europei che per anni hanno vissuto e lavorato in questi locali, hanno voltato pagina.

"Un bel po' di persone se ne sono andate soprattutto a causa della Brexit, non si sentivano più i benvenuti", dice Davide Orazi, barista. "Non solo a Londra, ma in tutto il Paese e ovviamente il Covid non ha aiutato."

"Ho anche difficoltà a trovare personale", spiega ai nostri microfoni Asma Khan, proprietaria di un ristorante indiano a Covent Garden. "In un certo senso ce lo meritiamo, perché quando le cose andavano molto bene, non ci siamo occupati del nostro personale".

Per Asma il Regno Unito ha bisogno di migliorare gli standard di lavoro, per invogliare le persone a tornare: "Far finta che non esistano, che non siano il cuore del settore alberghiero è sbagliato. Penso sia davvero importante iniziare a parlare dei diritti delle persone che lavorano nel settore. Forse dobbiamo creare un sindacato".

Nonostante oltre 35.000 dipendenti abbiano perso il proprio lavoro nel settore in Regno Unito, ristoranti e caffè faticano a trovare il personale... non qui, grazie Chris.

In questo locale di Soho la stragrande maggioranza del personale è europeo. Come Mikael, olandese e Steve, francese. Allora, qual è il segreto? "Penso che la chiave sia trattare il personale in modo equo e garantire posti di lavoro", dice il proprietario, Richard Gladwin. "Una delle prime cose che ho fatto è stata, invece di pagare con contratti a zero ore, avere dei manager, uno per il servizio e uno per il vino, ad esempio. E improvvisamente, essere un manager fa sì che non sia più un lavoro occasionale. Questa è la mia carriera".

Gli ultimi dati dell'Office for National Statistics mostrano che alla fine del 2020 la Gran Bretagna aveva quasi un milione di residenti non nati in Regno Unito in meno, rispetto all'anno precedente. Mentre Londra inizia a confrontarsi con la sua realtà post Brexit e post Covid, la speranza si tinge di incertezza nel settore della ristorazione.