ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il Regno Unito riapre: pub e negozi rialzano le serrande

Di Euronews
euronews_icons_loading
Pub e bar riaprono nel Regno Unito
Pub e bar riaprono nel Regno Unito   -   Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Le strade di Soho - il quartiere londinese del divertimento - stanno tornando alla vita. La gioia di sedersi, mangiare e bere con gli amici si legge sui volti di tutti. Ma si può essere sicuri che questo sia il momento giusto?

Nel Regno Unito, le restrizioni sono state allentate all'inizio della settimana per permettere ai negozi non essenziali di riaprire e ai pub e ristoranti di servire i clienti, ma solo all'aperto.

Il primo ministro Boris Johnson ha esortato la gente a socializzare in modo responsabile. Il nostro corrispondente dal Regno Unito, Tadhg Enright ha incontrato cittadini e imprenditori che si godono lo scampolo di libertà.

"Un paio di settimane fa mia nonna è morta di Covid - dice un ragazzo a cui viene chiesto cosa pensi della riapertura - e ora vedo una strada piena di persone che rispettano le regole... se qualcuno dovesse essere contrario, o nervoso, dovrei essere io".

"Il pericolo non è passato. È ancora nell'aria - commenta invece una donna - Quindi, penso che tutti dovrebbero ancora stare attenti. C'erano persone così vicine e non indossavano neanche le mascherine".

Alcuni ristoranti e pub avevano le serrande abbassate da Natale. La riapertura non può compensare ciò che è andato perso, ma - come dice Lesley Lewis, titolare del pub 'The French House' - se anche non c'è una riparazione del danno subito, ''è così bello rivedere molti clienti abituali".

I negozi classificati come non essenziali possono di nuovo vendere al bancone, ma il volume di affari è ancora di molto inferiore ai livelli pre crisi. Phil Barton, proprietario della 'Sister Ray Records', spiega perché non si vede ancora la luce fuori dal tunnel: "Il nostro modello di business poggia su persone che vengono a Londra per concerti e spettacoli, e che ovviamente non sono qui. Quindi, possiamo contare su circa il 40% dei nostri clienti. Siamo ancora molto al di sotto, ma siamo felici di essere aperti".

Resta evidente che, grazie a una capillare campagna vaccinale, il Regno Unito muove i primi passi verso la normalità. Questa settimana tutti coloro che hanno più di 45 anni sono stati invitati a prenotare online il loro appuntamento per la somministrazione del vaccino. Più del 60% dei cittadini ha ricevuto la prima dose.

Ma, per quanto il programma di vaccinazione stia andando bene, la minaccia Covid rimane, in parte legata all'impatto delle varianti, in parte alle incognite a cui il vvirus ci ha abituati.

Bharat Panhania è un esperto di malattie infettive dell'università di Exeter. La sua analisi è un invito alla cautela: "In India, ho testimonianze di persone che sono state immunizzate con entrambi i vaccini e che, tuttavia, si sono ammalate lo stesso - dice Panhania - Nel Regno Unito, la popolazione più giovane non è stata completamente immunizzata e può ammalarsi e venire ricoverata in ospedale".

La settimana di riapertura sarà ricordata per gli anni a venire in Inghilterra. Tutti sperano che sia per le buone ragioni.