ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Uk-Ue: "Cooperiamo sui vaccini". Johnson: "No al blocco"

euronews_icons_loading
Uk-Ue: "Cooperiamo sui vaccini". Johnson: "No al blocco"
Diritti d'autore  Manu Fernandez/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Il Regno Unito e l'Unione europea aprono a una cooperazione globale sulla produzione e distribuzione dei vaccini contro il Covid-19.

Dopo settimane di tensioni, sospetti e accuse un comunicato ufficiale congiunto prova a far cambiare registro, parlando di interdipendenza e annunciando misure specifiche di breve, medio e lungo periodo per espandere le forniture di vaccini a tutti i cittadini e rendere la gestione "vantaggiosa per tutti".

Intanto ha fatto scalpore il ritrovamento in uno stabilimento farmaceutico di Anagni, in Italia, di 29 milioni di dosi del vaccino britannico Astra Zeneca, risultati fuori dalla contabilità ufficiale europea.

Un episodio che accade mentre Bruxelles conferma l'aumento dei controlli a monte della catena di produzione, dai quali dipende l'autorizzazone delle esportazioni, senza nemmeno escludere misure di blocco.

Una opzione vista con timore dal primo ministro britannico Jonhson, che minaccia il ritiro degli investimenti da parte di aziende che venissero colpite da blocchi in uno specifico paese tali da mettere a rischio la catena di approvvigionamento.

Nonostante i giri di valzer, l'Unione europea rischia seriamente di perdere la sfida dei vaccini, se non troverà il modo di far prevalere le ragioni politiche su quelle commerciali. Della questione se ne discute oggi in una riunione virtuale dei 27.