ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Viaggio nella zona rossa britannica

euronews_icons_loading
Images
Images   -   Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Leicester è in confinamento da un anno. È la prima città del Regno Unito ad essere soggetta a restrizioni locali. E mentre i tassi di infezione covid si riducono in altre parti del paese, Leicester continua ad avere difficoltà...

Jon Ashworth è un deputato di Leicester - e il ministro ombra per la salute - è preoccupato, la situazione a Leicester peggiorerà se il blocco verrà revocato troppo presto: "La preoccupazione è ovviamente che si riapra tutto troppo rapidamente, che si tolga il piede dall'acceleratore e sui facciano crescere altre mutazioni qui, altre varianti".

Così il nostro inviat, Luke Hanrahan: "È passato un anno da quando le restrizioni sul coronavirus sono state introdotte per la prima volta a Leicester, durante questo periodo i tassi di covid sono rimasti estremamente alti e fino ad oggi sono il doppio di quelli di Londra".

135 infezioni ogni 100.000 persone negli ultimi sette giorni, il doppio della media nazionale

Allora perché è questo? Dopo un anno di restrizioni, come può il virus continuare a prosperare?

Leicester è piena di fabbriche di abbigliamento, molte delle quali forniscono grandi marchi internazionali.

Prakash lavora in una fabbrica a Leicester. Dice che i datori di lavoro e il loro personale non stanno prendendo sul serio le restrizioni: "Ci sono persone che non indossano la mascherina - molte delle persone che lavorano non rispettano i gesti barriera".

Euronews: "L'hai visto? Pensi che questo sia uno dei motivi per cui qui c'è ancora un problema?"

Prakash: "Probabilmente si... "

L'altro problema è la reticenza, in questa popolazione multietnica, a prendere il vaccino.

Così una ragazza: "Ho sentito delle cose sul vaccino, come dopo che le persone che l'hanno preso, sono state male".

Questi studenti di scienza dello sport - dicono che son tutti consapevoli della disinformazione in questa parte del paese.

Dice uno di loro: "Penso che ci sia molta falsa propaganda diffusa, non tutti sanno cosa c'è nel vaccino, sentono storie e pensano deve essere vero".

Il dottor Julian Tang, virologo clinico presso la Leicester University, afferma che affrontare l'esitazione nei confronti dei vaccini è fondamentale: "I vaccini vengono accusati di trasmissione covid e i sospetti aumentano ancora di più ora perché il vaccino è imposto".

A meno che non cambi qualcosa drasticamente qui sembra che la pandemia sia tutt'altro che finita.