ULTIM'ORA
This content is not available in your region

L'Europa del sud protesta per la crisi migranti

Access to the comments Commenti
Di Alberto De Filippis
euronews_icons_loading
L'Europa del sud protesta per la crisi migranti
Diritti d'autore  ARIS MESSINIS/AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

I ministri degli interni dei cinque paesi mediterranei in prima linea nella migrazione di massa verso l'Europa vogliono che i loro partner europei condividano l'onere in modo più equo.

Le richieste sono triplici: migliore cooperazione con i paesi dell'Africa, del Medio Oriente e dell'Asia meridionale da cui proviene la maggior parte dei migranti e dei richiedenti asilo diretti in Europa; maggiore disponibilità da parte di altri paesi membri dell'Unione ad accettare migranti appena arrivati; e un meccanismo di rimpatrio europeo centralizzato.

Byron Camilleri, ministro degli interni maltese: "Non possiamo più essere puniti per la nostra posizione geografica. Non possiamo più essere lasciati a occuparci solo degli arrivi irregolari da paesi terzi. Non possiamo più essere puniti per aver salvato vite in mare. (...)"

Così il suo omologo spagnolo Fernando Grande-Marlaska: "Aumentando la cooperazione con i paesi di origine e di transito possiamo evitare arrivi irregolari, così come evitare il traffico di persone, il traffico di immigrati e ovviamente la perdita di vite umane".

Sabato oltre mille persone hanno protestato in solidarietà con migranti e rifugiati nel centro di Atene. I manifestanti hanno chiesto la sicurezza, il diritto all'asilo e l'istruzione dei migranti, che spesso hanno affrontato viaggi strazianti e pericolosi per arrivare sulle coste europee. La Grecia, che ospita il summit dei cinque paesi dell'Europa meridionale, è di nuovo al centro di grossi problemi visto che la rotta balcanica dei migranti ha ripreso forza.