ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Paesi Bassi, Liberali di Mark Rutte verso l'affermazione elettorale

euronews_icons_loading
AP Photo
AP Photo   -   Diritti d'autore  Peter Dejong/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Il VVD, partito dei Liberali di destra del Premier olandese Mark Rutte, è in testa nelle elezioni legislative con 35 seggi sui 150 in totale, secondo il primo exit poll successivo alla chiusura delle urne.

Al secondo posto, si piazza il partito progressista D66, guidato dal Ministro della Cooperazione estera, Sigrid Kaag, che aumenterebbe la sua rappresentanza a 27 Deputati.

Rutte, però, vince ma non stravince, avendo ora bisogno di tre partner di coalizione per poter governare con serenità.

Peter Dejong/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
AP PhotoPeter Dejong/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

Per il PVV, l’estrema Destra olandese guidata da Geert Wilders, le elezioni sono state amare, nonostante la crescita dei consensi, in considerazione del fatto che, sino a qualche settimana fa, era data in testa ai sondaggi.

Rutte è uno dei Premier più longevi d'Europa, insieme ad Angela Merkel e Viktor Orbán: a Bruxelles guida la compagine dei cosiddetti Paesi "frugali".

L'analista politico Chris Aalberts, dell'Erasmus University di Rotterdam commenta: "Penso che in generale la gente sia soddisfatta del modo in cui ha gestito l'emergenza coronavirus, nonostante non siano mancate critiche, Mark Rutte viene considerato un buon manager in tempo di crisi".

Il Premier "teflon", soprannominato così per la sua capacità di resistere alle difficoltà di ogni tempo, ha fronteggiato le numerose manifestazioni contro il confinamento, spesso degenerate in scontri con la Polizia, ma ha preferito tornare al voto dopo lo scandalo dei sussidi statali concessi e poi tolti a oltre 20mila famiglie, finite sul lastrico per ripagarli, che ha portato alle dimissioni del suo esecutivo.

Se Rutte ottiene il suo quarto mandato, non si sa per quanto tempo resterà in carica: Aalberts prevede al massimo un anno e mezzo; poi, usciti dalla crisi si tornerà al voto.