ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La nuova direttrice dell'Opera di Monte-Carlo: Cecilia Bartoli

euronews_icons_loading
La nuova direttrice dell'Opera di Monte-Carlo: Cecilia Bartoli
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Un nuovo ruolo per Cecilia Bartoli: il versatile mezzosoprano è la prima donna a dirigere l'Opera di Monte-Carlo.

Cecilia Bartoli e l'Opera di Monte-Carlo, una lunga storia d'amore. Il leggendario mezzosoprano ha recentemente ipnotizzato tutti, nell'ultima opera comica di Rossini "Le Comte Ory".

[Focus artistes] Quel plaisir de retrouver Cecilia Bartoli sur la scène de l'Opéra de Monte-Carlo ce vendredi pour la...

Posted by Opéra de Monte-Carlo on Monday, February 15, 2021

Dal palcoscenico a tirare i fili dietro le quinte. Cecilia si prepara infatti a un nuovo ruolo: diventare la direttrice dell'Opera di Monte-Carlo, prima donna a guidare la compagnia. "Il mio desiderio era quello di fare musica insieme ad altri musicisti", racconta l'artista. "Da giovane ho iniziato con il pianoforte, ho studiato un po' la tromba e poi canto. Ma diventare direttrice artistica è stata una sorpresa anche per me".

Una scelta naturale

"E' una leggenda, Cecilia Bartoli", dice l'attuale direttore artistico dell'Opera del Principato, Jean-Louis Grinda. "Abbiamo nominato una donna straordinariamente competente. Un'artista che ha fatto la storia dell'arte lirica".

Grinda spiega perché di questa scelta: "Sono convinto che i teatri d'opera debbano essere diretti da artisti. Gli artisti capiscono bene tutto ciò che può accadere in un teatro, i problemi e sanno rischi".

Una scelta approvata all'unanimità, grazie alle doti della Bartoli. Secondo Moshe Leiser, direttore di scena, la perseveranza della mezzosoprano è qualcosa di unico: "Cecilia è una persona che prova e ci riprova cento volte".

"È la sua passione per il teatro, la sua passione per il palcoscenico e il fatto di mettere tutta la sua energia in ciò che fa", ribatte il direttore di scena Patrice Caurier.

Un luogo unico, pronto ad accogliere nuovi artisti

La nuova casa artistica di Cecilia Bartoli è un gioiello architettonico di Charles Garnier, il progettista dell'Opéra di Parigi. Un luogo unico, come ci racconta la futura direttrice: "La salle Garnier è davvero un luogo magico. Acusticamente, è incredibile".

Un luogo magico che ha visto esibirsi i più grandi di tutti i tempi. "I più grandi cantanti del passato e del presente hanno cantato qui", prosegue Bartoli. "Quando si pensa a Caruso, Beniamino Gigli, alla Tebaldi. La storia di questo teatro è davvero importante".

Uno degli obiettivi della mezzosoprano è aprire le porte di questo teatro anche a chi non ci è mai stato prima: "Vorrei invitare artisti che non hanno mai avuto la possibilità di esibirsi qui, di cantare qui. C'è anche una porta che può aprirsi verso il mondo. Verso il barocco e Mozart".

Cosa servirà a Bartoli per avere successo in questa nuova avventura? Ce lo dice lei stessa: "Spero di continuare con molta energia e tanto amore, perché alla fine è una questione d'amore".