ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il Brasile teme che l'accordo UE-Mercosur venga messo in cantina

Access to the comments Commenti
Di Isabel Marques da Silva
euronews_icons_loading
Il Brasile teme che l'accordo UE-Mercosur venga messo in cantina
Diritti d'autore  Andre Penner/AP
Dimensioni di testo Aa Aa

La preoccupazioni circa la distruzione dell’ Amazzonia stanno rallentando la ratifica dell'accordo commerciale UE-Mercosur e mettono in allerta il governo di Bolsonaro.

Il Brasile afferma di essere disponibile ad aggiungere chiarimenti all'accordo concluso a giugno 2018 che coinvolge altri tre paesi sudamericani, ma il suo ambasciatore presso l'UE crede che 20 anni di negoziazione siano sufficienti.

“Nessuno sta parlando di rinegoziare l’accordo - afferma Marcos Galvão- questo è completamente fuori discussione. Ciò di cui si discute è trovare un modo per rafforzare politicamente il concetto di contributo nel campo dello sviluppo sostenibile. Per quanto riguarda l'accordo di Parigi, l’accordo UE-Mercosur raddoppia l'obbligo legale di adempiere agli standard di riduzione delle emissioni di carbonio”.

Il Mercosur è la quinta economia più grande al di fuori dell'UE, che comprende Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay.

È un mercato di 260 milioni di consumatori, protetto da dazi elevati e ha un PIL annuo di 2,2 trilioni di euro.

L'ambasciatore afferma che mettere l'accordo in cantina sarebbe molto dannoso per l'UE.

“Il Mercosur ha selezionato l’UE come primo partner per dare un grande passo verso l’integrazione nell'economia internazionale. Tutto questo andrebbe perso e l'UE non avrebbe più il vantaggio di essere la prima a compiere questo passo".

Da quando il nuovo governo ultraconservatore è salito al potere in Brasile nel 2019, la deforestazione è schizzata alle stelle.

65 membri del Parlamento europeo hanno chiesto la scorsa settimana di riaprire i negoziati e di includere impegni vincolanti per fermare la deforestazione.

Francisco Guerreiro, europarlamentare portoghese avverte:

“Potremmo trovarci in pochi anni o decenni con una nuova pandemia dovuta alla deforestazione dell’Amazzonia. Il contatto tra specie selvatiche e bovini porta alla contaminazione umana con dei virus, come abbiamo visto in diverse pandemie. Quindi, concludere accordi commerciali senza includere tutti i possibili costi ambientali e sociali è un suicidio collettivo e un suicidio politico”.

In qualità di mediatore, la Commissione europea vuole pres entare una nuova proposta ai 27 Stati membri dell'UE.

“Ho avuto una conversazione con il ministro degli Esteri e il vicepresidente del Brasile responsabile del Consiglio dell’Amazzonia - racconta Valdis Dombrovskis, Vicepresidente esecutivo della Commissione europea.- Sono in corso trattative e direi che le reazioni dei paesi del Mercosur sono positive, sono pronti a impegnarsi in questo percorso di lavoro e pronti a siglare impegni aggiuntivi.

L'accordo eliminerebbe i dazi, in alcuni casi fino al 35 per cento, per l'esportazione di prodotti europei come automobili e macchinari, vini, latticini e prodotti chimici.