ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Biden in visita alla Pfizer: "Vaccino unica arma contro la pandemia"

Il presidente Joe Biden in visita a uno stabilimento Pfizer
Il presidente Joe Biden in visita a uno stabilimento Pfizer   -   Diritti d'autore  Evan Vucci/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

L'ondata di maltempo che si è abbattuta sugli Stati Uniti rallenta la distribuzione del vaccino e fa slittare anche il programma del presidente. Joe Biden ha visitato un impianto di produzione Pfizer in Michigan con un giorno di ritardo. Negli Stati Uniti ne sono state somministrate 30 dosi dall'inizio della campagna, l'11 dicembre.

L'appello di Biden

"Se c'è un messaggio che deve essere chiaro a tutti è questo: il vaccino è sicuro", ha detto il Biden in una breve dichiarazione. Rivolgendosi agli americani ha lanciato un appello accorato: "Vi prego di vaccinarvi non appena sarà disponibile per tutti e sarà il vostro turno. Fatelo per il vostro bene, per il bene della vostra famiglia, della comunità è di tutto il Paese. È l'unico modo per battere la pandemia".

L'intero Paese "va rimesso in carreggiata", ha detto venerdì Andy Slavitt, consigliere della Casa Bianca per l'emergenza coronavirus, durante un incontro con la stampa. Slavit ha aggiunto che 1,4 milioni di dosi di vaccino sarebbero partite dagli stabilimenti farmaceutici nella giornata di venerdì e il ritardo accumulato sarebbe stato smaltito rapidamente.

Stato di calamità

Il gelo che ha paralizzato perfino stati del sud, come il Texas, ha fermato nei magazzini sei milioni di dosi, procurando un ritardo di tre giorni sulla tabella di marcia.

Ma il governo si prepara ad aprire altri cinque centri di vaccinazione di massa, uno a Philadelphia e quattro in Florida per incrementare il ritmo dell'immunizzazione. Al momento si aggira intorno al milione e 700mila somministrazioni al giorno.

Per il Texas, dove 13 milioni di persone hanno ancora difficoltà ad accedere all'acqua potabile, Biden chiederà lo stato di calamità grave, per poter stanziare fondi federali in aiuto alla popolazione.