ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Brexit: Londra e Bruxelles provano a distendere le tensioni

euronews_icons_loading
Brexit: Londra e Bruxelles provano a distendere le tensioni
Diritti d'autore  Alastair Grant/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

"Un incontro costruttivo, volto a intensificare il lavoro congiunto sul protocollo Irlanda/Irlanda del Nord per garantire che le soluzioni concordate in dicembre siano attuate e per affrontare tutte le questioni in sospeso. Il comitato congiunto si riunirà non più tardi del 24 febbraio".

Così il vicepresidente della Commissione europea, Maroš Šefčovič, ha descritto la sua riunione con il responsabile del dossier post Brexit, Michael Gove.

I due si sono incontrati nella capitale britannica giovedì, con un obiettivo ben preciso: cercare di distendere le tensioni tra Bruxelles e Londra sul dossier Irlanda del Nord.

Le parti erano a un passo dallo scontro un mese fa, quando la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, ha minacciato di applicare l'articolo 16 dell'accordo, per frenare le esportazioni di vaccini nel Regno Unito. Una mancanza di fiducia che ha fatto storcere il naso a Londra, Dublino e Belfast.

Relazioni quindi perennemente in bilico tra le parti. Ma, come spiega l'ex capo negoziatore dell'Unione europea per la Brexit, Michel Barnier, niente di sorprendente: "Non sono sicuro che ci si debba congratulare con me per l'accordo sulla Brexit", ha detto in un'intervista televisiva. "Sì, abbiamo portato la missione a compimento, ma la Brexit resta il mio punto per rispondere alla sua domanda: è stato un divorzio ed è un divorzio, non credo che ci si debba congratulare per un divorzio".

L'accordo commerciale tra Regno Unito e Unione europea, trovato in extremis il 24 dicembre scorso, ha lo scopo di evitare un confine duro tra Irlanda del Nord e Repubblica d'Irlanda, che potrebbe mettere in pericolo il processo di pace sull'isola.