ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Un anno pieno di violenze in Colombia, l'eurocamera lancia l'allarme

Di Euronews
Euronews
Euronews   -   Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Omicidi di leader politici, attivisti ed ex guerriglieri: il 2021 in Colombia si sta rivelando l'anno più violento in da quando è stato firmato l'accordo di pace tra il governo e le FARC (le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia) nel 2016.

Secondo la Giurisdizione Speciale per la Pace, un meccanismo di giustizia transitoria che indaga sui crimini commessi durante il conflitto, quest'anno si è verificato un omicidio ogni quattro giorni.

La società civile chiede al governo di smettere di concentrarsi sul controllo militare.

Sebastián Escobar Uribe, membro del collettivo di avvocati “José Alvear Restrepo” afferma:

"Speravamo che il governo attuasse misure globali, politiche pubbliche che potessero colpire le diverse cause di violenza, non solo concentrandosi sulla sfera militare o sulla permanenza dei gruppi armati, ma anche facilitando le condizioni per le comunità contadine di quei territori più colpiti dal conflitto per ridurre il gap sociale che esiste con le città più importanti della Colombia ”.

La sottocommissione per i diritti umani del Parlamento europeo lancia un avvertimento circa la sicurezza nel paese. Nel 2016 l'UE ha creato il Fondo europeo per la pace in Colombia: 127 milioni di euro destinati a progetti di sviluppo rurale, reinserimento di ex combattenti e partecipazione dei cittadini di comunità vulnerabili, vittime e popolazioni indigene.

"Uno degli obiettivi dell'UE è quello di porre fine alle carenze strutturali dello Stato colombiano, che sono alla base di quello che è accaduto nel Paese negli ultimi decenni. - spiega Javi López eurodeputato spagnolo. - Per quanto riguarda la sicurezza, oggi la Colombia è un stato incompleto, disfunzionale in alcune parti del suo territorio, che apre la porta all'assassinio di leader sociali, di difensori dei diritti umani o ai gravi problemi che devono affrontare gli ex combattenti, oltre che i numerosi omicidi ”.

Le organizzazioni civili colombiane criticano l'attuale governo di Iván Duque per non aver affrontato le cause strutturali del conflitto.

Il consigliere presidenziale per la stabilizzazione e il consolidamento si difende e afferma che il Paese sta lavorando a un programma a lungo termine.

"Abbiamo fatto una pianificazione molto dettagliata per sfruttare questo periodo di 15 anni e superare quei problemi che la Colombia avrebbe dovuto affrontare decenni fa con o senza accordi. Stiamo producendo risultati che renderanno questo processo irreversibile nel dicembre 2021”, afferma Emilio Archila.

L'accordo include sfide come il sostegno alle vittime, la reincorporazione degli ex combattenti e il processo di sostituzione volontaria dei raccolti illeciti, attraverso il quale il governo convince le famiglie contadine a sostituire la cocaina con colture alternative.