Tutti i colori del freddo inverno, un viaggio dal Baltico alla Siberia

painting in the ice
painting in the ice Diritti d'autore Euronews
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il calor bianco del freddo inverno. A Irkutsk si dipinge a meno sessanta gradi. In Estonia si fanno esposizioni di pupazzi di neve. E in Polonia si sguazza nell'acqua di laghi gelati contro i malanni

PUBBLICITÀ

I colori freddi non esistono. La prova? Andiamo in Jacuzia, repubblica dell'Estremo oriente siberiano russo. Qui la temperatura sta per scendere a 60 gradi sotto zero.

Gli artisti locali hanno deciso di fissare col gelo le calde tinte della loro creatività dando lezioni di pittura ai bambini di passaggio. È il Festival annuale di pittura che non si può svolgere al chiuso per colpa del covid.

A Irkutsk, storico capoluogo della Jacuzia, le scuole sono rimaste aperte, nonostante il freddo. Da queste parti ci sono abituati.

"Tutto bene, tutto normale. Queste condizioni atmosferiche aiutano i pittori a catturare tutta la gamma dei toni di luce e aria" commenta Natalia Khristoforova, una giovane pittrice.

Un bel po' più a occidente, in Estonia, sulle coste baltiche dell'Unione europea, sfortunatamente non fa un freddo siberiano e la pioggia ha guastato la galleria all'aperto di pupazzi di neve modellati a mano da genitori e bambini.

C'erano anche nonni stanchi dell'isolamento anti-pandemico.

Se non vuoi ammalarti diventa un tricheco. In Polonia è la moda di quest'anno: i club dei "Trichechi". Sono gruppi di persone che in costume da bagno sfidano il gelo, tuffandosi in laghi ghiacciati, ballando e sgambettando sulla neve.

Dicono i "Trichechi" che così facendo non si prendono tosse, raffreddore e altri malanni. Forse si preparano a dei vaccini che non arriveranno mai

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Europa orientale sottozero: neve e gelo dalla Polonia alla Russia, fino a Turchia e Grecia

Mostri che bruciano l'inverno

Mosca, strade decorate dalla neve artificiale nell'inverno più caldo dal 1886