ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Tutti i colori del freddo inverno, un viaggio dal Baltico alla Siberia

Di euronews
euronews_icons_loading
painting in the ice
painting in the ice   -   Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

I colori freddi non esistono. La prova? Andiamo in Jacuzia, repubblica dell'Estremo oriente siberiano russo. Qui la temperatura sta per scendere a 60 gradi sotto zero.

Gli artisti locali hanno deciso di fissare col gelo le calde tinte della loro creatività dando lezioni di pittura ai bambini di passaggio. È il Festival annuale di pittura che non si può svolgere al chiuso per colpa del covid.

A Irkutsk, storico capoluogo della Jacuzia, le scuole sono rimaste aperte, nonostante il freddo. Da queste parti ci sono abituati.

"Tutto bene, tutto normale. Queste condizioni atmosferiche aiutano i pittori a catturare tutta la gamma dei toni di luce e aria" commenta Natalia Khristoforova, una giovane pittrice.

Un bel po' più a occidente, in Estonia, sulle coste baltiche dell'Unione europea, sfortunatamente non fa un freddo siberiano e la pioggia ha guastato la galleria all'aperto di pupazzi di neve modellati a mano da genitori e bambini.

C'erano anche nonni stanchi dell'isolamento anti-pandemico.

Se non vuoi ammalarti diventa un tricheco. In Polonia è la moda di quest'anno: i club dei "Trichechi". Sono gruppi di persone che in costume da bagno sfidano il gelo, tuffandosi in laghi ghiacciati, ballando e sgambettando sulla neve.

Dicono i "Trichechi" che così facendo non si prendono tosse, raffreddore e altri malanni. Forse si preparano a dei vaccini che non arriveranno mai