ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Lockdown parziale in un quartiere di Hong Kong

euronews_icons_loading
Lockdown parziale in un quartiere di Hong Kong
Diritti d'autore  Vincent Yu/Copyright 2018 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Ad Hong Kong domenica le autorità hanno imposto il lockdown in buona parte del quartiere di Jordan (penisola di Kowloon). La cosa riguarda circa 10mila abitanti che oltre a restare a casa devono sottoporsi a un test obbligatorio. In quest'area si sono registrati 160 casi d’infezione dall'inizio dell'anno.

Il confinamento improvviso è scattato alle quattro del mattino e resta in vigore finché tutti i residenti non saranno stati testati. Avendo congelato gli spostamenti le autorità distribuiscono anche viveri e generi di prima necessità agli abitanti. L’operazione si conclude domenica sera per permettere ai cittadini di tornare al lavoro la mattina di lunedì.

Tensioni e malumori

Non sono mancate proteste e tensioni anche con i giornalisti che indagavano sull'aumento dei contagi nel quartiere. È la prima volta dallo scoppio della pandemia che l’ex colonia britannica adotta il lockdown. Ad Hong Kong fino ad oggi sono stati registrati circa 10 mila casi d'infezione da coronavirus e quasi 170 decessi su una popolazione totale di circa 7 milioni di persone.

Controlli improvvisi anche nella Cina continentale

Blitz di controlli della popolazione sono all'ordine del giorno anche nella Cina continentale, non solo a Pechino dove ci sono stati nuovi allarmi ma anche a Tonghua city (città a nord della Corea) dove si sta ultimando a tambur battente un centro per la quarantena e per effettuare test sulla popolazione.