ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La Serbia sta manipolando i dati per coprire il problema dell'inquinamento atmosferico?

Belgrado è stata inserita nella classifica delle città più inquinate d'Europa
Belgrado è stata inserita nella classifica delle città più inquinate d'Europa   -   Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

La Serbia è stata accusata di manipolare i dati sull'inquinamento atmosferico nel tentativo di minimizzare il problema. Belgrado è sotto osservazione da quando un rapporto del dicembre 2019 ha evidenziato che il paese ha il maggior numero di morti pro capite in Europa a causa dell'inquinamento: 175 ogni 100mila persone.

Qualche mese Belgrado era stata inserita nella classifica delle cinque peggiori città al mondo per l'inquinamento atmosferico da PM 2,5. Stando agli attivisti il nuovo governo, entrato in carica lo scorso giugno, sta facendo tutto il possibile per minimizzare la questione.

Il capo del dipartimento di per la qualità dell'aria licenziato dopo la fuga di dati

A dicembre Milenko Jovanovic è stato licenziato come capo del dipartimento per la qualità dell'aria dell'Agenzia serba per la protezione dell'ambiente (SEPA). Le frizioni con i suoi superiori e le accuse di non avere provveduto alla corretta manutenzione delle stazioni di monitoraggio della qualità dell'aria sono le ragioni ufficiali del suo licenziamento dopo 17 anni di servizio. Accuse non veritiere secondo Jovanovic e alcuni esperti.

Jovanovic ritiene di essere stato licenziato perché si è opposto a una riclassificazione di ciò che viene considerato inquinamento atmosferico. L'ex funzionario ha detto che la SEPA voleva cambiare la soglia dell'inquinamento da PM 2,5, che come le PM 10 sono minuscole particelle inquinanti prodotte da diverse fonti (centrali elettriche, veicoli a motore, incendi ecc..). Sono considerate pericolose perché le loro dimensioni permettono di penetrare in profondità nei polmoni.

Jovanovic sostiene che, in base alla modifica dei parametri, il valore di 40 microgrammi per metro cubo di PM 2,5 non è più classificato come inquinamento, ma è invece considerato accettabile. Anche le soglie oltre le quali si può parlare di inquinamento elevato o estremamente elevato sono state modificate. Invariati invece i parametri in base ai quali la qualità dell'aria viene considerata buona o eccelente.

Jovanovic ha detto a Euronews che è significativo che i parametri siano stati modificati nel periodo invernale, ovvero quando l'inquinamento è al suo picco massimo. Gli esperti, ha aggiunto, avrebbero dovuto essere consultati sui cambiamenti. "Niente di tutto questo è stato fatto - ha detto - queste modifiche sono state semplicemente introdotte da un giorno all'altro. Io mi sono opposto e ne ho subito le conseguenze".

"Non è possibile - spiega Jovanovic - che un giorno l'aria, in base ai dati a disposizione, sia inquinata e pericolosa e il giorno dopo, con gli stessi dati ma con i nuovi parametri introdotti dalle autorità, sia invece pulita. Non funziona così. La qualità dell'aria rimane la stessa ma cambia il modo in cui i risultati vengono presentati al pubblico, il che è una manipolazione".

Ognjan Pantic, coordinatore di un progetto alla Open School di Belgrado, un'organizzazione della società civile che si occupa dei problemi legati all'inquinamento atmosferico, ha dichiarato che Jovanovic è stato molto trasparente in passato nel parlare del problema dell'inquinamento dell'aria in Serbia.

"Penso che l'intera agenzia per l'ambiente sia sotto pressione da parte del governo affinché parli meno del problema dell'inquinamento dell'aria - ha detto Pantic -. Il governo serbo è davvero aggressivo nel controllare qualsiasi forma di critica. Controlla parti enormi dei media e può controllare la narrazione. Chiunque faccia notare qualcosa viene immediatamente accusato di lavorare contro il proprio governo".

Quanto è grave l'inquinamento in Serbia?

L'inquinamento in Serbia e in altre parti della penisola balcanica è così grave in autunno e in inverno che si può vedere a occhio nudo, annusare e persino assaggiare. A portare un po' sollievo ogni tanto è la Košava, un vento freddo che soffia dai Carpazi. Ma non appena questo cessa, l'inquinamento ritorna.

Le cause principali dell'inquinamento sono il riscaldamento, sia privato che pubblico, e i veicoli a motore. A Belgrado il problema è aggravato dalle centrali elettriche a carbone e dalle miniere di lignite che le alimentano e che circondano la capitale. Tutte eredità dall'epoca socialista.

AP Photo
Un manifestante durante la protesta del gennaio 2020 contro gli alti livelli di inquinamento atmosferico a Belgrado. Domenica 10 gennaio 2021 è prevista un'altra protestaAP Photo

"Le particelle sottili PM10 e PM 2,5 sono le più dannose per la salute umana - ha detto Elizabet Paunovic, l'ex capo del Centro Europeo per l'Ambiente e la Salute dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) -. Secondo la raccomandazione dell'OMS, il livello medio annuo di particelle PM 2,5 dovrebbe restare al di sotto dei 10 microgrammi per metro cubo. Ma a Belgrado ha superato i 29,2 microgrammi per metro cubo. Ridurre questo valore di soli 5 microgrammi potrebbe salvare centinaia di vite umane. In alcuni casi, durante i giorni in cui le particelle PM 2,5 sono superiori ai livelli raccomandati dall'OMS, a Belgrado si registra un aumento della mortalità".

Cosa sta facendo il governo per affrontare il problema?

Il primo ministro serbo Ana Brnabic ha negato che Belgrado sia una delle città più inquinate. Ha ammesso che ci sono "alcuni problemi" relativi all'inquinamento, ma ha aggiunto che il governo sta facendo "molto" per risolverli, senza specificare come.

AP Photo
Un uomo cammina sulle rive del Danubio a Belgrado, Serbia, mercoledì 15 gennaio 2020AP Photo

I critici si chiedono se il cambiamento dei parametri sulle polveri sottili sia una delle soluzioni di Belgrado. "Il cambiamento dei criteri per l'inquinamento dimostra che c'è una manipolazione dei dati - ha detto Mirko Popovic, direttore del programma dell'Istituto di regolamentazione delle energie rinnovabili e dell'ambiente -. Dimostra ai cittadini che non possono fidarsi del proprio governo".

"Belgrado è sensibile quando si tratta del cambiamento climatico globale - continua Popovic -. Parti della città sono estremamente vulnerabili e, proprio in quelle zone, il governo sta progettando di costruire. Queste decisioni dimostrano che non c'è un piano o una volontà di risolvere i problemi".

Per Popovic lo sviluppo urbano non sta danneggiando solo le parti verdi di Belgrado, ma si sta aggiungendo all'effetto cumulativo dell'inquinamento. "Gli esperti hanno avvertito che il flusso d'aria sarà interrotto dalla costruzione della nuova torre nell'anfiteatro di Sava - ha aggiunto Paunovic -. Tuttavia gli esperti non sono stati ascoltati e il flusso d'aria che passa di qui è bloccato".

Nella parte di Nuova Belgrado dove la torre è stata costruita l'inquinamento è di solito al di sopra dei limiti locali e dell'Ue. Altri piani includono costruzioni in una delle rare foreste della capitale serba. "La foresta di Kosutnjak è il polmone di Belgrado - ha detto Bojan Simisic, membro di Eco Watch, un'organizzazione ambientalista serba -. Si vede che il governo locale sta tagliando gli alberi invece di piantarli. Per ridurre l'inquinamento, dovremmo piantare alberi, non abbatterli".

Euronews ha contattato il governo serbo, la SEPA e il dipartimento di ecologia di Belgrado per rispondere alle critiche espresse in questo articolo. Al momento della pubblicazione non abbiamo ricevuto risposta da nessuno di loro.