ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il Portogallo alla guida dell'Europa tra crisi sanitaria ed economica

euronews_icons_loading
Portuguese presidency
Portuguese presidency   -   Diritti d'autore  FRANCOIS LENOIR/
Dimensioni di testo Aa Aa

Il Portogallo riceve dalla Germania il testimone nella presidenza di turno dell’UE. Il governo di Antonio Costa dovrà dimostrare le proprie capacità di coordinamento già entro la fine di gennaio.

Durante la sua visita a Lisbona, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha affermato che presto convocherà una videoconferenza dei capi di stato e di governo sulla crisi da Covid-19.

Una delle priorità del premier Costa sarà il versamento il quanto prima possibile dei fondi del nuovo bilancio dell'UE, spiega l'analista politica Nicoletta Pirozzi.

“Avrà il compito difficilissimo di gestire la crisi, comprese le vaccinazioni in tutta Europa, le decisioni unilaterali riguardo la possibile chiusura delle frontiere e così via. Allo stesso tempo dovrà affrontare le conseguenze economiche della crisi tramite l'attuazione del programma Next Generation EU. Ora la priorità è garantire che tutti gli Stati membri presentino i piani a tempo debito e un regolare processo di approvazione in seno alla Commissione Europea e al Consiglio''.

La precedente presidenza tedesca era di centrodestra, il governo portoghese è di centrosinistra e ha chiarito che uno dei suoi punti di forza sarà l’attenzione ai diritti sociali e dei lavoratori in Europa. Quali sono le aspettative per il vertice di maggio sulle questioni sociali?

"Penso che si concentrerà molto sull'attuazione del Next Generation EU Fund, in particolare sulle due priorità dell'inclusione digitale e la transizione climatica. Penso che per il vertice di maggio l'idea è di tornare al pilastro europeo dei diritti sociali adottato nel 2017 e cercare anche di attuare il prossimo piano della Commissione europea sull'Europa sociale con un focus specifico su occupazione, diritti sociali ma anche salute, con un’attenzione alla dimensione sociale ".

Ci saranno molti vertici: con gli Stati Uniti, con l'Africa e con l'India. Qual è l'importanza di questi vertici in termini di risultati concreti?

"A livello europeo e nello specifico per questa presidenza l'idea è proprio quella di rilanciare il multilateralismo in un periodo difficile, cercando anche di fare leva sulla nuova posizione dell'amministrazione americana. Inoltre si cercherà di sviluppare il più possibile nuovi partenariati strategici con attori cruciali per l'Unione europea ".

Journalist • Elena Cavallone