ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Perché alcuni ortodossi celebrano il Natale a gennaio?

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Milioni di cristiani ortodossi festeggiano Natale il 7 gennaio
Milioni di cristiani ortodossi festeggiano Natale il 7 gennaio   -   Diritti d'autore  -
Dimensioni di testo Aa Aa

Ogni anno il 7 gennaio milioni di cristiani ortodossi in tutto il mondo celebrano il Natale, quasi tre settimane dopo che molte persone in Occidente lo hanno già festeggiato e hanno iniziato il nuovo anno.

Per paesi come Russia, Georgia, Armenia, Bielorussia, Serbia, Egitto, Etiopia e Kazakistan, il 6 gennaio è la vigilia di Natale. Il 7 è il giorno di Natale. La differenza è dovuta all'uso di calendari diversi tra cristiani cattolici e ortodossi.

Introdotto da Papa Gregorio XIII nel 1582, il calendario gregoriano è il calendario civile più utilizzato al mondo ed è questo calendario che segna il 25 dicembre come giorno di Natale.

Il calendario fu introdotto inzialmente per cambiare la data della Pasqua, in modo che cadesse sempre intorno all'equinozio di primavera. Ma i cristiani ortodossi - esclusa la Chiesa greco-ortodossa - usano il calendario giuliano, introdotto nel 46 a.C. da Giulio Cesare, indietro di 13 giorni rispetto a quello gregoriano perché papa Gregorio decise di "cancellare" dal calendario i giorni dal 4 al 15 ottobre 1582 per effettuare l'aggiustamento.

La Chiesa greco-ortodossa in Grecia, Cipro e Bulgaria ha adottato il calendario gregoriano nel 1923. Anche gli ortodossi a Gerusalemme celebrano il Natale secondo il calendario gregoriano. Tecnicamente parlando, il Natale nel calendario giuliano cade ancora il 25 dicembre, che equivale al 7 gennaio nel calendario gregoriano.

Per i cristiani del calendario gregoriano il 6 gennaio è il giorno dell'Epifania, il giorno che celebra la rivelazione di Dio in forma umana come Gesù. È anche il giorno in cui i magi, seguendo una stella nel deserto, apparvero a Betlemme dopo la sua nascita di Gesù.

Dal 6 gennaio i cristiani ortodossi dell'Europa orientale hanno tradizionalmente digiunato fino alla comparsa della prima stella nel cielo notturno per simboleggiare la nascita di Gesù. È tradizione salutare amici e parenti con "Cristo è nato" e rispondere con "Gloria a Lui!

Il pasto della vigilia di Natale è tradizionalmente senza carne e senza alcol. Di solito consiste di 12 piatti che simboleggiano i 12 apostoli. Il questa occasione il "kutia" è un must: si tratta di un piatto freddo simile al porridge fatto di grano integrale, semi di papavero, uva passa, noci e miele. Il resto del pasto varia, ma spesso comprende pesce fritto e zuppa di barbabietole con brodo vegetale, fagioli e cavoli.

Il giorno di Natale, il 7 gennaio, inizia con una visita alla chiesa. Alcuni cristiani ortodossi preferiscono andare alla messa di mezzanotte la vigilia di Natale. Il pranzo del giorno di Natale consiste in una varietà di piatti con al centro un maialino o un'oca arrosto.

A differenza del Natale cattolico, non è consuetudine fare regali nella tradizione ortodossa. I cristiani ortodossi di solito distribuiscono doni il 19 dicembre, giorno di San Nicola, o a Capodanno. Molti Paesi cristiani ortodossi, come la Russia, usano il calendario gregoriano nella loro vita quotidiana, ma spesso ritornano al calendario giuliano per le loro feste sacre.

La notte di capodanno secondo il calendario giuliano cade tra il 13 e il 14 gennaio e l'Epifania, celebrata dai cattolici il 6 gennaio, è celebrata dai cristiani ortodossi il 19. Nei Paesi che hanno adottato il calendario gregoriano, come la Bulgaria e la Grecia, i sacerdoti il giorno dell'Epifania spesso gettano i crocifissi nei fiumi o nei laghi in cui i fedeli si tuffano per recuperarli.

In Ucraina il periodo dal 6 al 19 gennaio è il periodo di "Vertep", uno spettacolo di teatro di marionette di strada che è una variante della storia di Natale. Il "Vertep" è accompagnato da canti e danze e ha legami con le tradizioni precristiane. Negli ultimi anni è diventato sempre più popolare tra i bambini organizzare spettacoli "Vertep" e raccogliere piccole somme di denaro.