ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Migranti al freddo e in condizioni disumane in Bosnia. UE stanzia 3,5 milioni di euro

euronews_icons_loading
Migranti al freddo e in condizioni disumane in Bosnia. UE stanzia 3,5 milioni di euro
Diritti d'autore  STR/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

La Commissione europea ha annunciato aiuti umanitari del valore di 3,5 milioni di euro per aiutare i rifugiati in difficoltà in Bosnia Erzegovina.

Una catastrofe umanitaria in corso nel cantone di Una Sana, dove 1700 persone devono affrontare l’inverno senza un rifugio adeguato.

Lunedì i funzionari europei hanno criticato duramente la Bosnia per non aver agito rapidamente.

"Le autorità bosniache dovrebbero comportarsi come farebbe un paese che aspira ad entrare nell'UE. La vita delle persone non può essere sacrificata per lotte di potere politico interno", ha affermato Peter Stano, portavoce della Commissione UE..

Il denaro appena stanziato si aggiunge agli oltre 85 milioni di euro di aiuti umanitari che l’UE ha fornito alla Bosnia dal 2018 per far fronte alla crisi migratoria.

Ma gli esperti suggeriscono che la critica di Bruxelles alla Bosnia sia piuttosto ipocrita

Gerald Knaus, presidente della European Stability Initiative, ritiene che "la critica dell'UE è giustificata, ma non è molto credibile. Molti Stati membri dell'UE stanno facendo lo stesso nelle isole greche, al confine ungherese-serbo o al confine tra Croazia e Bosnia e cioè trattano male i migranti, fanno politica sulla pelle dei rifugiati. L'UE sarebbe più credibile se gli Stati membri non trattassero i migranti come lo fa la Bosnia Erzegovina ".

La situazione nei campi improvvisati va peggiorando da settimane. I richiedenti asilo a Camp Lipa hanno rifiutato le razioni di cibo e hanno chiesto condizioni più umane.

La scorsa settimana il campo è stato bruciato e da allora i migranti sono rimasti in strutture senza tetto, senza riscaldamento né pasti adeguati.

La Bosnia sta registrando un afflusso massiccio di migranti che cercano di raggiungere la Croazia per dirigersi poi in Europa occidentale.