ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Brexit a regime, il premier Johnson: "Abbiamo la libertà nelle nostre mani"

euronews_icons_loading
Brexit a regime, il premier Johnson: "Abbiamo la libertà nelle nostre mani"
Diritti d'autore  AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Spetta al Big Ben scandire in via inequivocabile la fine di un rapporto, durato 47 anni.
Sono le 23, ora di Londra: la clock tower rintocca, marcando il fatto che il Regno Unito taglia i ponti con l'Europa. Fuor di metafora, le infrastrutture di collegamento al porto di Dover reggono l'urto, con qualche ritardo legato all'introduzione delle nuove norme alla frontiera.

Soddisfatto il premier britannico Boris Johnson: "Questo è un momento straordinario per il nostro Paese - ha commentato - abbiamo la libertà nelle nostre mani e sta a noi sfruttarla al meglio. E penso che sarà l'istinto incontenibile della nostra gente che ci consentirà di riunirci come un unico Regno Unito - Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord - lavorando insieme per esprimere i nostri valori in tutto il mondo, guidando sia il G7 che il vertice sul cambiamento climatico COP 26 a Glasgow".

Nel tweet di Johnson: "Ci saranno moltissime persone felici di dire addio alla tristezza del 2020. Ma questo è stato anche l'anno in cui abbiamo riscoperto uno spirito di unione, di comunità. \_Nel 2021 abbiamo la libertà nelle nostre mani e sta a noi sfruttarla al meglio. Buon anno!_".

Sull'altra sponda della Manica, il presidente francese Emmanuel Macron ha riaffermato l'amicizia solida con il Regno Unito: "Questa scelta di lasciare l'Europa - ha detto - questa Brexit è figlia del malessere europeo e di molte bugie e false promesse. Ma, questa sera, voglio dirvi una cosa molto chiaramente: il nostro destino è prima di tutto e soprattutto in Europa".

Gibilterra, la colonia britannica in territorio spagnolo, entrerà a far parte della zona Schengen. L'accordo di riferimento, firmato poche ore prima della scadenza Brexit, prevede l'invio da parte dell'Unione europea di guardie di frontiera Frontex per facilitare la libera circolazione. Il loro ruolo è previsto per quattro anni.