EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Covid-19, manifestanti contro la 'dittatura sanitaria'

Proteste anti lockdown in Germania
Proteste anti lockdown in Germania Diritti d'autore ADAM BERRY/AFP or licensors
Diritti d'autore ADAM BERRY/AFP or licensors
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Manifestazioni in Germania e nel Regno Unito: in corteo negazionisti, anti vaccinisti, dimostranti che denunciano la restrizione dei diritti civili

PUBBLICITÀ

La quasi totalità senza mascherina e a una distanza sociale risibile.
È un chiaro messaggio quello lanciato dai manifestanti tedeschi e polacchi, al confine, a Francoforte.

Circa 1500 persone hanno partecipato al raduno, organizzato dal gruppo "Querdenken", per protestare contro le misure restrittive anti Covid-19.
Chiedono la revoca dei provvedimenti che - dicono - rappresentano una violazione dei diritti civili. Il corteo ha riunito negazionisti ed estremisti di destra.

In Polonia le manifestazioni si sono limitate a una manciata di persone: un piccolo numero che ha attraversato il confine per unirsi ai dimostranti tedeschi.

Anche Londra è in fermento: centinaia di manifestanti anti-lockdown e anti-vaccino hanno marciato lungo Oxford e Regent Street, sollecitando la fine della serrata e dei controlli.

Dal corteo sono partiti fumogeni. La Polizia metropolitana ha arrestato circa 60 persone.

Gli incontri e le manifestazioni di massa sono vietati nel Regno Unito in base alle attuali misure di contenimento della pandemia. Il movimento britannico anti-restrizioni, relativamente piccolo ma trasversale, raccoglie teorici della cosirazione, anti vaccinisti, attivisti che denunciano la restrizione dei diritti civili.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La OMS chiede cautela, c'è preoccupazione per gli allentamenti del Natale

Covid, vaccino sì o vaccino no? Non tutte le compagnie aeree lo richiederanno

Pandemia, verso un Natale di crisi