ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Spagna, il paese dei vini biologici

euronews_icons_loading
Spagna, il paese dei vini biologici
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

La Spagna, il primo vigneto al mondo, guida anche il numero di ettari certificati come biologici e il numero di aziende vinicole che producono questo tipo di vino è raddoppiato nell'ultimo decennio e la principale produzione di vino biologico spagnolo è l'export, che attualmente rappresenta qualcosa più del 50% del mercato per questi vini e punta a un trend di crescita. Va tenuto presente che il 90% dei consumatori di prodotti biologici, non solo vino, si trova nei seguenti paesi: Stati Uniti, Germania, Francia, Cina, Canada, Italia, Regno Unito, Svizzera, Svezia, Danimarca e Spagna .

La recente promozione dei vini biologici ha origine nella crescente preoccupazione della società per i cambiamenti climatici e gli attacchi all'ambiente, insieme alla salute stessa. Questa è una tendenza per il futuro e non una moda passeggera nel mercato globale.

La Castiglia è una delle regioni con i vigneti più biologici della Spagna. Ritornare alla natura, comprendere i segni della terra, imparare a rispettarne i cicli. È la filosofia di molti produttori spagnoli impegnati per l'ambiente.

La Spagna è il leader europeo nei vigneti biologici. Questo viaggio ci porta alle denominazioni di origine di Rueda, Ribera del Duero e Valdeorras.

Menade è una delle oltre 1.000 aziende vinicole biologiche in Spagna. Nell'ultimo decennio il numero è raddoppiato e il trend è in aumento.

Richard Sanz e i suoi fratelli - sesta generazione di produttori di vino - hanno deciso di avviare il proprio progetto sostenibile:

Richard Sanz Bodegas Menade: “Crediamo che l'unico futuro che ci sia sia un ritorno alle origini. La nostra filosofia è quella di essere il più naturali possibile e di riallacciare la catena della biodiversità che noi come umanità abbiamo spezzato e la nostra missione è di impegnarci nuovamente ”.

Per questo hanno costruito una fattoria, un hotel per insetti, giardini per l'impollinazione. Recuperano semplici tecniche che hanno appreso dai loro antenati.

Cosa stai piantando? Richard Sanz, enologo, Bodega Menade: "In questo caso piantiamo legumi che forniscono azoto naturale al terreno e quindi non dobbiamo concimare chimicamente".

La preoccupazione per il cambiamento climatico e la salute fa sì che molti viticoltori optino per il biologico. Sia in campo che in cantina.

Così Richard Sanz: "Tante sensazioni, equilibrio, vino elettrico, tensione, è pur sempre una vinificazione con la proiezione di tornare alle origini".

Alla Ribera del Duero per scoprire i segreti di uno dei rossi biodinamici più esclusivi di Spagna.

Dietro questo vigneto c'è Peter Sisseck. Il grande enologo danese stabilito in Spagna decenni fa ha creato uno dei vini più straordinari di questo paese.

Uno dei suoi segreti è la coltivazione biodinamica, un approccio olistico e sostenibile alla viticoltura. Funziona solo con trattamenti naturali e in armonia con i cicli lunari.

Ma non solo i compiti del campo sono soggetti ai ritmi del satellite ...

Peter Sisseck, Bodega Pingus: “I ritmi lunari e stagionali hanno molto a che fare con il vino. Sia nella svinatura che nell'imbottigliamento cerchiamo di rispettare il più possibile le fasi lunari "

Dopo la fermentazione e la pressatura, queste uve appassite vengono utilizzate per fare il compost.

Peter Sisseck: "L'importante è che tutti i lieviti e tutti i batteri che sono in questa fermentazione siano nel compost e quando lo mettiamo nel vigneto creiamo un cerchio tra la cantina e il vigneto."

Peter assaggia e analizza il suo raccolto in piena fermentazione. Le prove per una nuova annata del suo elegante e proverbiale Pingus. "Uno dei vini più grandi ed emozionanti", secondo il famoso critico Robert Parker.

Al confine con la Ribeira Sacra, in un paesaggio sinuoso di granito e terrazze, arriviamo a Valdeorras per incontrare Rafael Palacios, un vignaiolo di La Rioja.

Nel 2004 fonda qui la sua cantina, attratto dai fattori bioclimatici ...

Sono ceppi centenari di Godello, coltivati ​​su suoli granitici che si coltivano a quasi 700 metri di altitudine nella zona di Bolo dove si crea un microclima speciale, fattori geoclimatici che li rendono vini così speciali "

Ceppi centenari in terreni poveri che sono energizzati dall'agricoltura biodinamica . Questo preparato 500, che alla fine è un composto di vacca, viene dinamizzato e poi polverizzato in vigna per fornire energia per rigenerare i suoli e riattivarli.

Siamo giunti all'ultimo giorno di raccolta. Maggiore è l'altitudine, più tempo impiega l'uva a maturare.

La vendemmia Godello è in piena fermentazione in queste botti di rovere francese.

Aromi di mela, frutta fresca e legno che successivamente si trasformeranno in sapori di finocchio e minerali. Queste sono alcune espressioni di questa eccezionale varietà e del suo terroir ...