ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Regno Unito, ancora vietati gli assembramenti: la contestata regola del "massimo sei persone"

euronews_icons_loading
"Massimo sei persone per tavolo", si legge in questo ristorante.
"Massimo sei persone per tavolo", si legge in questo ristorante.   -   Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Caos nel Regno Unito: test per il Covid-19 in numero non sufficiente e risultati in ritardo. Ma, tra i comportamenti da adottare, poca chiarezza anche sugli incontri sociali.

Informazioni e regole contradditorie

In Inghilterra, ad esempio al ristorante, sono ammessi gruppi di sei persone, ma non gruppi di sette o più persone. E le regole sono diverse in Galles e differenti ancora in Scozia, pur essendo nello stesso paese.

Spiega il corrispondente da Londra di Euronews, Tadgh Enright.

"Da quando il confinamento è stato allentato, in molti si sono lamentati del fatto che è difficile capire ed interpretare le regole, spesso contradditorie... E ora è piuttosto evidente. Ufficialmente si sono possono radunare solo gruppi di massimo sei persone, sia all'interno che all'esterno. ma è diverso in altre parti del Regno Unito. In alcune zone i bambini non vengono contati. E ci sono anche altre esenzioni, alcune sensate, come le scuole e i luoghi di lavoro - e altre più curiose: ad esempio, una speciale esenzione sul numero dei partecipanti è prevista per per la caccia al gallo cedrone...

Le nuove restrizioni sono arrivate mentre il Regno Unito sta iniziando a godersi l'ultimo sussulto dell'estate e il governo ha persino incoraggiato i cittadini a segnalare eventuali violazioni. Io, personalmente, non ho visto nessuna violazione, ma ho chiesto ad alcuni passanti cosa ne pensano".

"Perchè sei persone? Perché non otto? Perché non dieci?"

Euronews
"Perchè sei persone?"Euronews

"Visto che è meglio evitare una nuova chiusura totale, accetto la regola del 6. È fastidiosa, ma probabilmente serve davvero".

Euronews
"Se serve ad evitare un nuovo lockdown...".Euronews

"E l'inverno è dietro l'angolo"

Aggiunge Tadgh Enright:

"Sono molte altre le domande da porre sulla gestione da parte del governo della pandemia di Coronavirus, non da ultima la disponibilità dei test. Il ministro alla Salute, Matt Hancock, è stato costretto ad ammettere che il sistema ha attraversato una momento di difficoltà a causa del forte aumento della domanda di test, proprio mentre si registra un'impennata dei casi e, naturalmente, l'inverno è dietro l'angolo".

Euronews
Tadgh Enright in un parco pubblico del sud di Londra.Euronews