ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Bielorussia, l'opposizione apre al dialogo col governo

euronews_icons_loading
Bielorussia, l'opposizione apre al dialogo col governo
Diritti d'autore  Sergei Grits/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Nonostante la risposta muscolare delle forze di polizia bielorusse, l'opposizione al rieletto presidente Lukashenko si prepara a resistere. Nella capitale Minsk è stato creato un Comitato formato da uomini d'affari, intellettuali, artisti e operai con l'obiettivo di mediare nel conflitto che divide il paese. Dicono di non voler prendere il potere, ma solo portare a una transizione pacifica. "Abbiamo vinto, ed ora tutti lo vedono. Chiediamo a tutti di sostenere il popolo bielorusso". afferma una militante davanti ai giornalisti.

Nonostante i risultati ufficiali delle presidenziali riconfermino il presidente uscente, alla guida del paese dal 1994, le opposizioni rivendicano la vittoria e chiedono di trattare col governo. Il problema tuttavia è che il governo non appare disponibile ad elevare a interlocutore politico i dimostranti di questi giorni, che per Lukashenko altro non sarebbero che soggetti diretti da potenze straniere interessate a destabilizzare la Bielorussia.

Nonostante la strada in salita, alcuni dirigenti si dicono certi di poter contare sull'ascolto di esponenti di governo, per il momento silenziosi per timore di rappresaglie. Dal canto suo il presidente Lukashenko, dopo aver ribadito che le proteste sarebbero il frutto di "inaccettabili intereferenze straniere", ha attaccato a testa bassa il nuovo comitato. "Vogliono semplicemente prendere il potere nelle loro mani. È un tentativo inequivocabile di prendere il potere, con tutte le conseguenze che ciò comporta". ha detto Lukashenko.

A sostenere il comitato che riunisce molta parte delle opposizioni ci sono le affollate manifestazioni di protesta che si susseguono da giorni, nonostante la repressione poliziesca in molti casi brutale che ha causato la morte di almeno quattro persone. Il fronte anti-Lukashenko chiede nuove elezioni presidenziali e una transizione pacifica, e promette relazioni reciprocamente vantaggiose con Mosca, che del presidente in carica è il principale difensore.

La portavoce della candidata sconfitta Svetlana Tikhanovskaya, ora in esilio, punta a un dialogo col governo: "Lukashenko non ha altra scelta che impegnarsi nel dialogo con la gente. Perché o è la guerra - che ha condotto per tutta la settimana - o è il dialogo. Noi lo invitiamo a scegliere il dialogo. È la scelta giusta",

Mentre si attende di conoscere le decisioni del presidente, gli osservatori invitano a non sottovalutarne la forza. Seppur assediato, Lukashenko non pare disposto a cedere senza nemmeno provare a combattere.