EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Mauritius: carburante rimosso, chiesto risarcimento danni

Mauritius: carburante rimosso, chiesto risarcimento danni
Diritti d'autore AP/AP
Diritti d'autore AP/AP
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La MV Wakashio, mercantile di un operatore giapponese, si era incagliata il 25 luglio a sud est dell’isola, a causa delle cattive condizioni meteo, riversando in mare 1.000 tonnellate del suo carico, pari a circa 4.000 tonnellate di petrolio

PUBBLICITÀ

Il Governo di Mauritius rende noto di voler ottenere un risarcimento danni dai proprietari della nave dalle cui fiancate danneggiate è fuoriuscito olio combustibile.

La MV Wakashio, mercantile di un operatore nipponico, si era incagliata il 25 luglio scorso al largo della nazione insulare dell'Oceano Indiano, a causa delle cattive condizioni meteo, riversando in mare 1.000 tonnellate del suo carico, pari a circa 4.000 tonnellate di petrolio.

Il carburante che si trovava ancora nei serbatoi della nave è stato quasi completamente rimosso, cionoostante il danno ambientale resta ampio.

Migliaia di mauriziani hanno lavorato per giorni al fine di limitare i danni, realizzando argini improvvisati o raccogliendo petrolio dalle acque poco profonde.

"Le persone sono emotivamente svuotate - dice un residente - abbiamo avuto informazioni frammentarie da chi è andato in mare, la nave si è spaccata in due pezzi, c'era panico e la gente era triste per questa notizia".

A seguito dell'accaduto, il Primo Ministro delle Mauritius, Pravind Jugnauth, ha dichiarato lo stato d'emergenza ambientale, definendo la fuoriuscita di petrolio "un disastro nazionale".

Beekash Roopun/AP
AP PhotoBeekash Roopun/AP
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mauritius: arrestato il capitano indiano della nave giapponese che ha perso carburante

Mauritius, uno sforzo globale di pulizia: tutti mandano aiuti per ripulire la "macchia nera"

Emergenza Mauritius: 1000 tonnellate di petrolio già sversate in mare