ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Kim celebra la Guerra di Corea, 67 anni dopo: fu armistizio o vittoria?

euronews_icons_loading
Kim celebra la Guerra di Corea, 67 anni dopo: fu armistizio o vittoria?
Diritti d'autore  Jon Chol Jin/AP
Dimensioni di testo Aa Aa

La storia, a seconda del punto di vista.

Una visita al Cimitero dei Martiri: cosi Il leader nordcoreano Kim Jong-un ha celebrato i 67 anni dall'armistizio che pose fine allaguerra di Corea, durata dal 1950 al '53.

Una data, quella dell'armistizio, celebrata anche dagli Stati Uniti: il presidente Donald Trump, infatti, ha proclamato per il 27 luglio la Giornata dei Veterani della guerra nazionale coreana (National Korean War Veterans Armistice Day).

La notizia è pubblicata dall'Ambasciata americana a Seul, sul proprio profilo Twitter.

La Guerra di Corea: prova di Guerra Fredda

La guerra scoppiò nel 1950 a causa dell'invasione della Corea del Sud, stretta alleata degli Stati Uniti, da parte dell'esercito della Corea del Nord comunista.
L'invasione determinò una rapida risposta dell'ONU: su mandato del consiglio di sicurezza dell'ONU, gli Stati Uniti, affiancati da altri 17 Paesi, intervennero militarmente nella penisola per impedirne la conquista da parte delle forze comuniste nordcoreane.

Dopo grandi difficoltà iniziali, le forze statunitensi, comandate dal generale Douglas MacArthur, respinsero l'invasione e proseguirono l'avanzata fino a invadere gran parte della Corea del Nord.

A questo punto intervenne nel conflitto anche la Cina comunista, mentre l'Unione Sovietica inviò segretamente moderni reparti di aerei che contribuirono a contrastare l'aviazione nemica. Le truppe statunitensi, colte di sorpresa, furono costrette a ripiegare in Corea del Sud.

Tv di stato nordcoreana.
La visita serale al Cimitero dei Martiri.Tv di stato nordcoreana.

Le pistole commemorative di Kim

Per l'occasione, Kim ha consegnato le pistole commemorative "Paektusan" (Monte Paektu) ai comandandi delle forze armate, durante una cerimonia svoltasi domenica a Pyongyang, presso il quartier generale del Comitato centrale del Partito dei lavoratori.

Tv di stato nordcoreana
Kim sorridente durante la consegna delle pistole commemorative.Tv di stato nordcoreana

Secondo Kim, infatti, si è trattato di una vittoria per il suo paese, in quella che definisce la "Guerra per la Liberazione della Patria".
E i cittadini della Corea del Nord la celebrano come una giornata di festa.

E in Corea del Sud...

Dall'altra parte della penisola coreana, la Corea del Sud celebra il giorno del 67° anniversario dell'accordo di armistizio con una serie di manifestazioni improntate alla sobrietà e all'importanza del ricordo.

I termini dell'armistizio

I negoziati di pace della Guerra di Corea si conclusero il 27 luglio 1953 con la firma a Panmunjeom di un armistizio, che ristabiliva sostanzialmente la situazione preesistente, e la creazione della zona demilitarizzata coreana.
La Corea fu divisa in due stati: Corea del Nord, con capitale Pyongyang, e Corea del Sud, con capitale Seul.

Il numero delle vittime è stimato in due milioni di civili tra dispersi, morti e feriti, 500mila soldati uccisi per ciascuna delle due Coree, da uno a tre milioni di soldati cinesi, 54.246 americani e 3.194 militari di altra nazionalità.
Dal momento che non è mai stato firmato un trattato di pace, formalmente la Guerra di Corea non è ancora terminata.

➡️ La guerra di Corea: un conflitto mai finito

Tv di stato nord-coreana
Le celebrazioni volute da Kim.Tv di stato nord-coreana