ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Libano: crisi senza fine, prezzi alle stelle

euronews_icons_loading
Libano: crisi senza fine, prezzi alle stelle
Diritti d'autore  Bilal Hussein/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Il Libano sta vivendo la peggiore crisi economica degli ultimi decenni.

La lira libanese ha perso oltre l'85% del suo valore sul mercato nero negli ultimi 9 mesi, provocando un vero e proprio caos sul potere d'acquisto dei cittadini.

I prezzi delle merci sono saliti alle stelle, poiché il Libano importa quasi tutto: dagli alimenti di base ai beni di lusso.

E con la carenza di carburante, i blackout elettrici sono all'ordine del giorno.

''Abbiamo l'elettricità solo per le ore diurne - dice Juliette Bekhaazi, Insegnante di Inglese - poi siamo obbligati ad azionare i generatori e non abbiamo sempre il carburante, lo si ottiene ad un prezzo molto alto, si trova sul mercato nero.

Forse saremo nell'oscurità totale: come insegnante, il mio stipendio è misero, non posso nemmeno andare a fare la spesa, ogni cosa è quattro volte più costosa".

Con la carenza di dollari nel Paese, a causa del calo degli investimenti, le banche hanno imposto severe restrizioni su prelievi e trasferimenti, in pratica tenendo in ostaggio il denaro della gente.

"Penso che il sistema sia logoro adesso - afferma invece Vanessa, studentessa - i nostri soldi, quelli miei e dei miei genitori per esempio, sono bloccati in banca e possiamo ritirarli solo in valuta locale, che ha perso gran parte del valore sul mercato nero, e molto probabilmente sprofonderà ancora di più".

Sul ciglio della strada principale di Beirut, il 25enne Ali Moussa, laureato in Scienze della comunicazione, si ritrova a dover vendere frutta e verdura insieme a suo padre, per sostenere la famiglia.

Ovviamente, mira a svolgere una professione che potrebbe non essere in grado di perseguire nel prossimo futuro: il suo sogno ora è lasciare il Libano.

"Chiunque abbia la possibilità di viaggiare e lasciare questo Paese - dice - di sicuro non dovrebbe esitare, perché non è dato sapere quando questo Paese cambierà, tra un anno o dieci".

Dalati Nohra/AP
AP PhotoDalati Nohra/AP

Il tracollo economico è aumentato a partire dallo scorso ottobre, quanto è montata la protesta contro decenni di corruzione e cattiva gestione dei leader politici, che hanno dilapidato il patrimonio dello Stato.

Il Libano è attualmente in trattative col Fondo monetario internazionale (FMI) per un piano di salvataggio pari a miliardi di dollari e sta cercando aiuti dalla comunità internazionale, al fine di attuare riforme attese da tempo.

Tuttavia, l'attuale Governo, sostenuto dal Partito sciita Hezbollah, non ha messo in atto alcuna misura degna di tal nome.

Gli economisti avvertono che, a meno di adozioni di misure urgenti per ripristinare la fiducia della comunità locale e internazionale, il Libano entrerà in un lungo periodo di grande inflazione e depressione: sinora, non sembra esserci alcuna luce in fondo al tunnel.