EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Brasile: sì alla mascherina sui mezzi pubblici ma non in fabbrica e in chiesa

Brasile: sì alla mascherina sui mezzi pubblici ma non in fabbrica e in chiesa
Diritti d'autore Eraldo Peres/AP
Diritti d'autore Eraldo Peres/AP
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il Brasile rimane il Paese dell'America Latina più colpito dalla pandemia di Covid-19. Approvata la nuova legge che impone la mascherina in strada e sui mezzi pubblici, ma Jair Bolsonaro ne blocca l'obbligatorietà in fabbriche, negozi e chiese

PUBBLICITÀ

Per la prima volta dall'inizio della pandemia, l'America Latina ha superato l'Europa per malati di Covid-19, con più di 2,7 milioni di infezioni.

A guidare la classifica dei contagi è sempre il Brasile, che registra quasi 1.540.000 casi, secondo i dati della Johns Hopkins University.

Jair Bolsonaro ha detto sì alla legge che impone la mascherina nelle strade e sui mezzi pubblici, ma ha messo il veto sull'obbligo negli spazi privati come fabbriche, negozi e chiese. Circa una settimana fa il Presidente brasiliano, ha vinto il ricorso contro una sentenza che gli imponeva la mascherina in pubblico, che rifiuta d'indossare, che prevedeva un'ammenda equivalente a circa 335 euro.

Cuba: gestione efficiente della crisi sanitaria

A Cuba invece, nonostante le difficoltà di mantenimento del distanziamento sociale nella distribuzione dei beni di prima necessità da parte dello Stato e il numero record di anziani rispetto all'America Latina, è riuscita a contenere i contagi grazie all'elevato numero di medici e alle attività di controllo porta a porta da parte del personale sanitario. Gli ammalati sono stati isolati in strutture statali e i loro contatti tracciati. Ad oggi i contagi sono 2.361 e i morti 86.

Florida: spiagge chiuse il 4 luglio

Negli Stati Uniti, il Paese più colpito al mondo con oltre 2.795.000 casi e 525400 morti, spiagge chiuse in Florida per evitare assembramenti nell'Indipendence day.

Nonostante i 9.488 nuovi casi e i 67 morti registrati un giorno dopo il record di 10.000 nuove infezioni toccato nei giorni scorsi, il governatore Ron De Santis non vuole imporre la mascherina negli spazi pubblici.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Covid-19: Galizia "sotto chiave", nuovi timori in India

Brasile, fiume pieno di pesci morti a San Paolo: colpa degli scarichi industriali

Aborto, le donne brasiliane scendono in strada contro proposta di legge "criminalizzante"