Nucleare, Fessenheim chiude i battenti: spento anche il secondo reattore

Nucleare, Fessenheim chiude i battenti: spento anche il secondo reattore
Diritti d'autore Jean-Francois Badias/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La più antica centrale della Francia chiude dopo 43 anni di attività. Ora comincerà il smantellamento, per cui potrebbero volerci fino a cinque anni

PUBBLICITÀ

Cala il sipario sulla centrale di Fessenheim. Dopo 43 anni di servizio è stato spento anche il secondo e ultimo reattore dell'impianto nucleare più vecchio della Francia. La chiusura della centrale costruita sulle rive del Reno, in Alsazia, è stata celebrata dagli attivisti anti-nucleare. 

Decisamente meno felici i dipendenti: duemila posti di lavoro andranno perduti, con un enorme impatto sull'indotto della regione, tra attività commerciali, imprese e settore immobiliare. Ora cominceranno i lavori di smantellamente della struttura, per cui potrebbero essere necessari fino a cinque anni. Un'operazione che preoccupa gli ambientalisti.

La chiusura di Fessenheim è in linea con il desiderio della Francia di ridurre la quota di energia nucleare nel suo mix energetico. L'obiettivo è di ridurla dall'attuale 70% al 50% entro il 2035. Per riuscirci Edf, la principale azienda produttrice di energia in Francia, spegnerà 14 dei suoi reattori più vecchi, distribuiti in otto centrali. 

Prima della chiusura di Fessenheim la Francia aveva 58 reattori sul propro territorio, di gran lunga il numero più elevato in Europa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Grossi (Aiea): l'Iran non è del tutto trasparente sul programma atomico

Cop28, compagnie petrolifere: "Zero emissioni entro il 2050". Ambientalisti: "Cortina fumogena"

Zelensky, "Mosca ora mira alla centrale nucleare di Khmelnytsky"