ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Londra, bambino lanciato dalla Tate Modern: condannato a 15 anni l'aggressore

euronews_icons_loading
Londra, bambino lanciato dalla Tate Modern: condannato a 15 anni l'aggressore
Diritti d'autore  Metropolitan Police / AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Condannato ad almeno 15 anni di reclusione. Ma "potrebbe anche non essere mai liberato", ha dichiarato il giudice che ha emesso la condanna.

Jonty Bravery, 18 anni, è stato riconosciuto colpevole dalla Central Criminal Court di Londra di tentato omicidio ai danni di un bambino francese, lanciato dal decimo piano della Galleria d'Arte Tate Modern di Londra.

Un momento dei soccorsi all'esterno della Tate Modern di Londra. (4.8.2020)

Un gesto folle

Il bambino ha riportato gravissime ferite: si è rotto la spina dorsale, le gambe e le braccia cadendo per 30 metri su un tetto al quinto piano.
Il fatto è avvenuto il 4 agosto 2019, nell'area panoramica all'aperto che si trova in cima alla Tate Modern, la galleria nazionale britannica di arte moderna internazionale, in riva al Tamigi.

L'ispettore della Polizia Metropolitana Melanie Pressley legge una lettera dei genitori del bambino:

"Gli atti commessi contro nostro figlio da questo individuo sono indicibili. Le parole non possono esprimere l'orrore e la paura che le sue azioni hanno suscitato in noi e in nostro figlio, che ora si chiede perché è in ospedale".
I genitori del bambino ferito
L'ispettore Melanie Pressey legge alla stampa la lettera dei genitori del bambino.

Era ai servizi sociali

All'epoca del fatto, Jonty Bravery si trovava in cura presso i servizi sociali di Londra.
Gli era stato diagnosticato un disturbo dello spettro autistico e un disturbo ossessivo compulsivo e della personalità.
In tribunale ha dichiarato di aver sentito delle voci che gli dicevano che doveva fare del male o uccidere delle persone, e che voleva "dimostrare" alla polizia di avere un problema di salute mentale.

Le condizioni del bambino

L'identità del bambino è protetta da un'ordinanza del tribunale a causa della sua età, ma i suoi genitori hanno rilasciato dichiarazioni attraverso una pagina di GoFundMe, che finora ha raccolto quasi 234.000 euro (260.000 dollari) per la sue cure.

Nell'ultimo aggiornamento del 15 maggio, hanno detto che "il nostro piccolo cavaliere ha continuato a fare progressi".

Trascorre le sue giornate in un sedile sagomato fissato alla sua sedia a rotelle, ma può stare seduto sul pavimento abbastanza a lungo per giocare un po'.

"Non può ancora muoversi per recuperare una macchinina che si è spinta troppo oltre, per esempio, ma può giocare restando nello stesso posto, afferrando i suoi giocattoli con il braccio destro", hanno fatto sapere i genitori.

Con un deambulatore, il bambino può stare in piedi e con l'aiuto può fare qualche passo, e "è molto impaziente di poter camminare da solo come prima", hanno aggiunto papà e mamma.

La situazione è ancora difficile, non riesce a mangiare e a bere come si deve, ma "comincia a ricordare cose nuove, il che significa che le connessioni si stanno gradualmente ristabilendo nel suo cervello. C'è ancora molta strada da fare, ma noi resistiamo", concludono i genitori, fiduciosi.

L'esterno della Tate Modern a Londra, in riva al fiume Tamigi.