ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Digione, spedizione punitiva: quartiere messo a ferro e fuoco da decine di ceceni armati

euronews_icons_loading
Immagine d'archivio
Immagine d'archivio   -   Diritti d'autore  VALERY HACHE/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

La città francese di Digione è stata teatro nel fine settimana di un violento regolamento di conti tra bande rivali. Protagonisti decine di ceceni della comunità locale (e non) che si sono vendicati, a colpi di mazze e spranghe, per l'aggressione di un 16enne.

Almeno 12 persone sono rimaste ferite. Le rivolte sono iniziate il 13 giugno scorso e hanno raggiunto il picco nella notte tra domenica a lunedì. "Una spedizione punitiva di quattro giorni", scrive Le Parisien.

Sono stati incendiati cassonetti e automobili e, secondo quanto scrive l'agenzia AFP, sono stati sparati colpi di arma da fuoco in aria.

Media russi parlano di 150-200 uomini del Caucaso coinvolti nella spedizione per pareggiare i conti con uno spacciatore locale, reo di aver picchiato un adolescente ceceno qualche giorno prima. “Ci hanno insultato, hanno colpito uno dei nostri. Siamo qui per distruggerli", le parole di uno dei partecipanti alle rivolte riportate dal canale TV regionale.

"Siamo venuti da tutta la Francia, oltre che da Belgio e Germania", scrive "Le bien publiс" citando un altro ceceno. "Non distruggeremo la città né attaccheremo le persone".

Solo un residente locale, un automobilista che ha perso il controllo della propria vettura, è rimasto gravemente ferito. Non è ancora chiaro se avesse avuto intenzione di investire un gruppo di ceceni o meno. Questo il video dell'incidente.

La prefettura di Digione ha riferito che sul posto sono stati dispiegati circa 40 agenti di polizia e oltre un centinaio di militari. Un'équipe televisiva è stata aggredita e ha sporto denuncia.

Le forze dell'ordine hanno usato gas lacrimogeni per disperdere i rivoltosi. Nessuno dei partecipanti è stato arrestato. Le autorità hanno aperto un fascicolo contro ignoti. Non ci sono vittime segnalate, al momento di scrivere.

In una dichiarazione, il ministro degli Interni Christophe Castaner ha chiesto "una risposta ferma", definendo i disordini "inammissibili". Laurent Nuñez, segretario di Stato del Ministro dell'Interno, si è recato sul posto martedì 16 giugno.

La Cecenia è una repubblica russa del nord del Caucaso a maggioranza musulmana. Le due guerre negli anni '90 hanno provocato una massiccia emigrazione verso i Paesi dell'Europa occidentale.