ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Brasile, aumentano i morti. Il coronavirus potrebbe essere la tomba politica di Bolsonaro

euronews_icons_loading
Brazil
Brazil   -   Diritti d'autore  Andre Penner/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Pochi, sino a qualche mese fa, avevano sentito parlare di Manaus fuori dal Brasile.

Il coronavirus sembra aver raggiunto questa metropoli isolata sul fiume di oltre 2 milioni di persone l'11 marzo, arrivata con una donna di 49 anni da Londra.

"Manaus è in corsa contro il tempo per evitare di diventare la versione brasiliana di Guayaquil", scrive un quotidiano locale in riferimento alla città ecuadoriana in cui i corpi sono stati lasciati in decomposizione nelle strade e migliaia di persone hanno paura di morire .

E il coronavirus potrebbe anche diventare la tomba politica del presidente Jair Bolsonaro che ha gestito la pandemia nel peggiore dei modi possibili.

Jair Bolsonaro, presidente del Brasile: "Dalle informazioni che abbiamo, potrei sbagliarmi, ma nessuno ha perso la vita a causa della mancanza di respiratori o di un letto in terapia intensiva. Potrebbe essere successo. C'è un ospedale da campo vicino a voi, o un ospedale pubblico? Trovate un modo per entrare e filmare. Molte persone lo stanno facendo, più persone devono farlo per mostrare qual è la reale situazione."

A Rio de Janeiro intanto, i centri commerciali sono stati aperti una settimana prima del previsto, poiché le imprese affamate di reddito spingevano le autorità a revocare le restrizioni anche se gli esperti di sanità pubblica avvertivano che era troppo presto per evitare una ripresa del contagio.

Decine di migliaia di posti di lavoro sono andati persi e il 10% dei negozi ha chiuso definitivamente, ma la crisi potrebbe anche peggiorare nelle prossime settimane.