ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Polonia, presidenziali: il rinvio per Covid dà fiato all'opposizione

euronews_icons_loading
Polonia alle presidenziali
Polonia alle presidenziali   -   Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Un'elezione presidenziale senza precedenti in tempi straordinari. Una votazione che avrebbe dovuto svolgersi a maggio, posticipata alla fine di giugno dalla crisi sanitaria.

Polonia: l'opposizione cresce in vista del voto

"Ne abbiamo abbastanza di dividere le donne e gli uomini polacchi tra chi sta con noi e chi no. In eguali e più eguali. Siamo stufi di dividerci in meglio e peggio", dice Rafal Trzaskowski, candidato di Piattaforma Civica, partito di opposizione, che i sondaggi suggeriscono abbia beneficiato del rinvio. Trzaskowski promette di trasformare la presidenza, in caso di vittoria: "Sarà una presidenza indipendente e forte, se sarò eletto - dice - E vedendo questa mobilitazione, spero di riuscirci!".
Per candidare Rafal Trzaskowski, attuale sindaco di Varsavia, in piena campagna elettorale, Piattaforma Civica ha dovuto raccogliere centomila firme. Un'impresa raggiunta in una settimana.

Le posizioni conservatrici del Partito Popolare polacco

Sul fronte dell'opposizione, il Partito Popolare Polacco abbraccia posizioni più conservatrici rispetto a Piattaforma Civica. Su questioni sociali ed etiche, il partito si oppone all'aborto, al matrimonio tra persone dello stesso sesso, alla depenalizzazione delle droghe leggere, all'eutanasia e alla pena di morte. La tradizionale base di sostegno dei Popolari polacchi poggia sull'elettorato rurale.
Wladislaw Kosiniak-Kamysz, candidato del Partito Popolare: "La domanda è: vogliamo ancora questa guerra tra polacchi? Un conflitto tra quelle fazioni che si fronteggiano solo durante le campagne elettorali? Un giorno dicono: andiamo insieme! E il giorno dopo: massacriamo questo branco di lupi! Così sembra. E la domanda è se i polacchi vogliono ancora Polonia così".

I liberali: "Non impedire il voto dei polacchi al'estero"

Ma, sulle elezioni, i liberali di Moderno spendono qualche perplessità: "Speriamo che queste presidenziali si svolgano in modo democratico e che tutte le persone che vogliono esprimere il loro voto abbiano questa opportunità, soprattutto quelle che vivono all'estero - commenta Jerzy Meysztowicz di Partito Moderno - Il 10 maggio gli elettori all'estero sono stati privati del diritto di voto per il loro candidato".

Sondaggi: il presidente Duda guida la classifica dei consensi ma...

L'analista Bartosz Brzysky: "Difficile dire quale sarà il risultato finale perché il presidente in carica ha una tendenza al ribasso e l'avversario Rafal Trzaskowski cresce nel consenso su questa ondata di entusiasmo, data dalla sua candidatura dell'ultimo momento".
I sondaggi pre-elettorali danno una chiara indicazione dei favoriti al primo turno: l'attuale presidente Duda guida la classifica con il 43% dei potenziali consensi, seguito dal candidato di Piattaforma Civica al 26.

Euronews
Grafico sondaggiEuronews