ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Twitter vs Fb: anche l'Europa si schiera. E lo fa a suon di cinguettii

euronews_icons_loading
Twitter vs Fb: anche l'Europa si schiera. E lo fa a suon di cinguettii
Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

Il Braccio di ferro tra Twitter e Donald Trump ha una sponda europea.

Bruxelles nella persone del commissario all'Industria Thierry Breton appoggia il contributo di Twitter per chiedere anche al presidente americano di rispettare la propria policy nel caso specifico sulla violenza.

Breton precisa di aver avuto una discussione con l'ad di Twitter e aggiunge:

"Gli ultimi eventi negli Stati Uniti mostrano la necessità per noi di trovare le risposte giuste a domande difficili. Quale ruolo svolgono le piattaforme per evitare la disinformazione durante un'elezione o una crisi sanitaria? Come evitare che i discorsi di odio si diffondano online? "

La discussione vede il contributo anche della vicepresidente della Commissione Věra Jourová, che aggiunge i politici dovrebbero rispondere alle critiche con i fatti e non con minacce e attacchi".

Lunedì invece c'è stata una presa di posizione dei dipendenti dell'altro social network, Fb, che proprio attraverso dei twitter prendevano le distanze dalle affermazioni del numero 1 di Facebook Mark Zuckerberg che aveva dichiarato invece che Fb non intende censurare alcuna affermazione fatta da personaggi della politica.

I leader di tre gruppi che militano nella sfera dei diritti umani - Color of Change, The Leadership Conference on Civil and Human Rights and the NAACP Legal Defense and Educational Fund - al termine di una riunione via Zoom, hanno espresso il proprio disappunto contro Zuckemberg.

Siamo delusi e sbalorditi dalle incomprensibili spiegazioni di Mark per non censurare i post di Trump. (...)si rifiuta di riconoscere come Facebook sia un facile amplificatore della richiesta di Trump di violenza contro i manifestanti. Mark sta creando un precedente molto pericoloso
Color of Change, The Leadership Conference on Civil and Human Rights and the NAACP Legal Defense and Educational Fund