ULTIM'ORA
This content is not available in your region

È il momento dell'Europa, usciamo da questa crisi insieme". Intervista a Ursula Von der Leyen

euronews_icons_loading
È il momento dell'Europa, usciamo da questa crisi insieme". Intervista a Ursula Von der Leyen
Diritti d'autore  Olivier Matthys/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

La presidente della Commissione europea ha annunciato un piano da 750 miliardi di euro per far riprendere l'economia europea, danneggiata dalla pandemia. A seguito dell'annuncio, ha incontrato i giornalisti a Bruxelles. Euronews ha avuto modo di farle qualche domanda.

Cosa le dà la sicurezza che la sua proposta sarà accettata da tutti gli Stati membri, da Nord a Sud?

"Questa crisi colpisce tutti gli stati membri. Tutti vedono il danno economico nel mercato unico, ma anche nelle economie nazionali. E quindi questo è il momento dell'Europa. Dobbiamo superare questa crisi insieme. La proposta che ho presentato è in un quadro di fiducia, conosciuto da ogni stato membro, comprovato dalla qualità".

Qual è il suo messaggio per i giovani che ora non riescono a trovare lavoro e che in futuro, dovranno rimborsare i soldi presi in prestito oggi?

"Prima di tutto esiste un pacchetto di forte a sostegno all'economia che offre lavoro ai giovani. Ma la cosa più importante è che abbiamo un patto con la prossima generazione. Diciamo "sì, dobbiamo raccogliere i fondi adesso e investirli, ma li investiremo nelle priorità europee che sono così importanti per voi”. Si tratta del Green Deal europeo e della digitalizzazione - questo è della massima importanza per le giovani generazioni. Quindi, se devono rimborsare in parte quei soldi, almeno dovrebbero poter raccogliere i frutti di questi investimenti".

_ Le persone che seguono la crisi da casa sentono parlare di miliardi spesi per sostenere le loro economie. In che modo potete garantire che i soldi vengano realmente spesi per la ripresa economica e che ogni cittadino ne trarrà beneficio?_

"Abbiamo pensato a un saggio meccanismo. Lo stato membro stesso presenterà un piano di risanamento nazionale, quindi spetta allo stato membro valutare cosa c'è che non va nella sua economia e di cosa ha bisogno per modernizzarla. E la decisione verrà presa non solo in seno alla Commissione, ma anche con il Consiglio europeo. Disponiamo di un sistema di controlli e verifiche che assicurano che venga erogato il giusto importo".