ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid-19, cosa sappiamo e cosa non sappiamo dell'idrossiclorochina

John Locher/AP
John Locher/AP   -   Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

L'idrossiclorochina è stata spacciata dal Presidente degli Stati Uniti come potenziale "cura" per il coronavirus. Lunedì, Donald Trump è andato oltre, dicendo pubblicamente di assumere il farmaco come misura preventiva contro il Covid-19.

Si tratta di un farmaco controverso, che ha provocato un dibattito acceso anche al di là del mondo scientifico. Il Presidente francese Emmanuel Macron ne ha chiesto la sperimentazione clinica a metà aprile anche se, al di là dei titoli dei giornali, non c'è ancora consenso neanche all'interno del settore farmaceutico.

Che cos'è l'idrossiclorochina?

L'idrossiclorochina è stato usata per decenni come farmaco antimalarico e per trattare altre cosiddette infezioni da protozoi. Da allora il suo uso è stato ampliato per il trattamento di malattie come l’artrite reumatoide o il lupus eritematoso sistemico.

Il farmaco agisce come "agente immunomodulatore", ha detto a Euronews il dottor Petr Horák, presidente dell'Associazione Europea dei Farmacisti Ospedalieri (EAHP). Tali farmaci possono modificare la risposta immunitaria dell'organismo e possono agire, in alcuni casi, come antivirale o antinfiammatorio per malattie rare.

Perché si sta sperimentando l'idrossiclorochina per combattere il Covid-19?

Il farmaco era già stato usato, in via sperimentale, per trattare la SARS nel 2003. Il SARS-CoV-2 è della stessa famiglia dei coronavirus, e così i medici stanno sperimentando ancora una volta l'utilizzo della idrossiclorochina. "C'è un certo merito nel concetto e nella scienza dietro all'idrossiclorochina", ha detto a Euronews il dottor Hamid A Merchant, Subject Leader in Farmacia presso l'Università di Huddersfield.

Si deve all'effetto antinfiammatorio che l'idrossiclorochina può avere, e alla possibilità di usarla per trattare gravi casi di polmonite a livello cellulare, o almeno per attenuare l'infiammazione causata nei polmoni dal SARS-CoV-2.

Quali effetti collaterali può causare il farmaco?

L'idrossiclorochina può essere somministrata solo su prescrizione medica e può avere gravi effetti collaterali, soprattutto per chi soffre di malattie cardiovascolari, pacemaker o diabete.

Può causare un prolungamento dell'intervallo QT del ritmo cardiaco. "Lo vediamo sull'elettrocardiogramma", ha spiegato il dottor Horák. "È uno dei più importanti, e può esserlo a maggior ragione quando le persone assumono alcune classi di farmaci come determinati antibiotici o antidepressivi. Può essere nel complesso molto grave, finanche mortale".

"Ma ci sono anche altri effetti collaterali", avverte il dottor Horák: può causare danni alla pelle e agli occhi come la retinopatia.

Somministrare farmaci di questo tipo durante una pandemia pone alcune considerazioni etiche sulla possibilità di causare più danni che benefici: è necessaria infatti un'accurata valutazione medica prima di iniziare ad adoperarlo.

"È questo che la gente ha bisogno di capire", dice a Euronews il dottor Syed Shahzad Hasan, ricercatore senior presso il Dipartimento di Farmacia dell'Università di Huddersfield. "L'idrossiclorochina non è paracetamolo - è un farmaco su prescrizione medica. Pertanto, è necessaria prima una consultazione con un operatore sanitario".

Oltre alla consultazione, in alcuni casi si rende necessario anche un monitoraggio, ha aggiunto il dottor Hasan. "Dovrebbe essere fatto in un ambiente in cui qualcuno possa occuparsi del paziente e farne l'anamnesi".

"Suggerirei ai cittadini europei di non assumere l'idrossiclorochina a meno che non venga prescritta da un medico", ha esortato il dottor Horák.

Cosa mostrano i risultati dei test clinici?

Il dottor Merchant e il suo collega, il dottor Hasan, hanno scritto un articolo insieme al dottor Chia Siang Kow sulla qualità degli studi clinici sull'idrossiclorochina. Fino ad oggi, hanno notato, ci sono state alcune prove che suggeriscono che il farmaco possa essere utile nei casi più gravi di infezione da Covid-19.

Tuttavia, non ci sono evidenze che il farmaco debba essere usato come misura preventiva contro il virus, data la sua potenziale dannosità. I risultati delle prime sperimentazioni sono stati inoltre polarizzati in due gruppi distinti.

"Se si guarda la letteratura, oggi, si possono vedere due gruppi. Un gruppo sostiene l'uso dell'idrossiclorochina e l'altro gruppo si oppone. Se si guarda alle prove cliniche, si nota che i risultati molto buoni a sostegno dell'uso dell'idrossiclorochina vengono dal primo gruppo", ha detto il dottor Hasan.

Studi preliminari di qualità discutibile che non rispettano le linee guida standard

La scienza si è mossa a tutta velocità nel cercare di trovare una cura al Covid-19, come testimonia l'ondata di studi preliminari pubblicati. Lo scopo è quello di diffondere informazioni tra la comunità scientifica nella speranza che la vasta condivisione dei dati possa portare ad una svolta. Tuttavia, bisogna stare attenti ad allentare alcune norme scientifiche perché potrebbe portare ad un calo del controllo di qualità.

Sia il dottor Merchant che il dottor Hasan hanno analizzato la qualità del reporting di queste sperimentazioni e hanno scoperto che molte di essi non rispettano le linee guida standard, con pregiudizi che si insinuano nei risultati.

"Non posso credere che una buona rivista accetti uno studio clinico che pubblichi uno paper senza che i criteri di qualità siano soddisfatti. Ma con questa pandemia, tutto diventa talmente importante che i criteri di qualità finiscono per non essere rispettati", ha detto il dottor Merchant.

I ricercatori possono assegnare una percentuale per bollare la qualità di uno studio clinico. Se il marchio raggiunge il 100%, lo studio non ha alcuna debolezza.

Tuttavia, il dottor Merchant e il dottor Hasan hanno scoperto che la maggior parte degli studi ha avuto un punteggio inferiore al 50%; alcuni si sono abbassati fino al 10%.

AP
La lettera del medico della Casa Bianca, Sean Conley all'addetto stampa, Kayleigh McEnany sull'assunzione da parte del Presidente Donald Trump di idrossiclorochina- AP PhotoAP

Quali sono stati gli ostacoli per quanto riguarda gli studi clinici?

In uno scenario ideale, uno studio clinico comporterebbe un gruppo di controllo randomizzato nel tentativo di limitare le distorsioni. Ad una parte dei soggetti verrebbe somministrato il farmaco, mentre ad un'altra parte un placebo.

Tuttavia, quando ci sono in gioco delle vite le cose si complicano. "Vengono fatti alcuni compromessi, e possiamo capire il perché. La massima responsabilità dei medici non è quella, al momento, di avere dati scientifici di alta qualità adesso; la loro priorità è quella di salvare vite umane", aggiunge il dottor Hasan.

Se uno studio non riesce a stratificare i dati e a raggruppare per gravità i casi di contagio, il tasso di recupero è difficile da valutare. Se sia i pazienti con sintomi lievi, sia quelli più gravi, assumono idrossiclorochina nell'ambito di uno studio, i ricercatori potrebbero non essere in grado di valutare quanto forte sia l'effetto che il farmaco stesso ha avuto sul paziente.

La maggior parte degli studi, al di fuori di una situazione pandemica, è valutato da un sistema di _peer-review_chiaramente definito, in cui la ricerca viene valutata e spesso rimandata indietro al mittente nel caso dovessero esserci dei punti controversi o non chiari.

Ma tutto il processo può richiedere mesi. Se questi studi vengono stampati senza la revisione di altri esperti, potrebbero portare a interpretazioni errate - soprattutto quando giungono a conclusioni forti - in un momento in cui la scienza, però, ha bisogno di massima precisione.

Senza i necessari accorgimenti in fase di raggruppamento dei soggetti testati, uno studio non può concludere, in definitiva, che il farmaco ha avuto o meno un chiaro effetto sull'evolversi della malattia.

È giustificato testare l'idrossiclorochina?

Secondo Hasan, al di là delle due fazioni - i favorevoli e i contrari - manca un approccio equilibrato. "Nel nostro articolo non abbiamo voluto prendere posizione".

Nonostante ogni giorno scienziati e virologi vengano alla ribalta, mancano ancora studi comprensivi che diano indicazioni forti su cosa fare. "Non vogliamo screditare alcun effetto benefico di questo farmaco. Non vogliamo sottrarlo all'umanità in questo particolare momento di emergenza, quando le persone ne hanno più bisogno", ha aggiunto Hasan.

Cosa succederebbe se, anni dopo anni di esperimenti e controlli di alta qualità, il farmaco risultasse essere efficace? Seguendo questa linea, la FDA e altri gruppi hanno autorizzato l'uso d'emergenza del farmaco sotto prescrizione medica e in determinati contesti.

"Penso che dovremmo stare molto attenti a quello che stiamo facendo", ha detto il dottor Hasan. "Non c'è nessun nascondiglio. Se dovesse succedere qualcosa di brutto, chi sarà responsabile di tutte queste decisioni? È molto facile presentarsi in televisione e dire: "L'ho usato e non è successo niente", ma come si può garantire che tutti ne traggano beneficio o, peggio, che qualcuno non ne venga danneggiato?"