ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il coronavirus potrebbe essere la fine dell'economia del carbone

euronews_icons_loading
Il coronavirus potrebbe essere la fine dell'economia del carbone
Diritti d'autore  I Murga/
Dimensioni di testo Aa Aa

Gli ambientalisti ritengono che la pandemia di coronavirus sarà fatale per l'industria del carbone.

Kathrin Gutmann è la direttrice di Europa Oltre il Carbone, un movimento che promuove l'energia rinnovabile.

Secondo lei, la crisi economica mostra che il carbone non è più redditizio.

Kathrin Gutmann, direttore della campagna europea beyong Coal: "La situazione attuale potrebbe averlo reso evidente, ma era già una tendenza che abbiamo visto l'anno scorso, ad esempio, quando il numero di ore di le centrali elettriche a carbone è diminuito del 24%, il che rappresenta un calo molto grande ".

Secondo la Guttmann, la pressione sociale degli attivisti ambientali mette gli Stati sotto pressione moltiplicando le manifestazioni a favore delle politiche ecologiche.

L'industria carbonifera globale "non si riprenderà mai" dalla pandemia di Covid-19, prevedono gli osservatori del settore, perché la crisi ha dimostrato che le energie rinnovabili sono più economiche per i consumatori e una scommessa più sicura per gli investitori.

Prosegue la Guttmann: "L'importante ora è garantire che, nel contesto della ripresa, i governi privilegino l'energia pulita, le energie rinnovabili, al fine di "evitare di fare le scelte sbagliate per prevenire un aumento delle emissioni di CO2".

Un passaggio a lungo termine a partire dai combustibili fossili sporchi si è accelerato durante il blocco, portando avanti la chiusura di centrali elettriche in diversi paesi e fornendo nuove prove che il consumo di carbone dell'umanità potrebbe aver raggiunto il picco dopo oltre 200 anni.

Ciò rende meno probabili gli scenari climatici nel caso peggiore, poiché si basano su una continua espansione del carbone per il resto del secolo.

Anche prima della pandemia, l'industria era sotto pressione a causa dell'accresciuto attivismo climatico, campagne di disinvestimento e alternative economiche. Il blocco ha esposto ulteriormente le sue fragilità, cancellando miliardi dalle valutazioni di mercato dei più grandi minatori di carbone del mondo.

Venerdì, la rete nazionale del Regno Unito non ha bruciato un singolo pezzo di carbone per 35 giorni, il periodo ininterrotto più lungo dall'inizio della rivoluzione industriale più di 230 anni fa. In Portogallo, la corsa record senza carbone si è protratta per quasi due mesi, ha recentemente riferito il gruppo elettorale Europe Beyond Coal.

Kathrine Gutmann vuole credere che il consumo mondiale abbia raggiunto il suo picco e diminuirà.

In Europa, la produzione di elettricità dal carbone sta diminuendo, ma la scomparsa non è per domani. La Germania, il maggiore consumatore, punta al 2035 per l'abbandono del carbone.