ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid-19, USA: Fauci contro Trump "Prudenza o ci saranno tanti morti"

euronews_icons_loading
Covid-19, USA: Fauci contro Trump "Prudenza o ci saranno tanti morti"
Diritti d'autore  Frank Franklin II/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Per Donald Trump probabilmente è una perfida cassandra, un profeta di sventura, ma lui non cede di un millimetro. Il massimo esperto americano di malattie infettive Anthony Fauci, nonostante la direzione dell'inquilino della Casa bianca sia tutt'altra, ha ripetuto ancora una volta, questo martedì in una commissione al senato, che il coronavirus porterà "morti evitabili e maggiore recessione" negli Stati Uniti se non si usa prudenza.

Anthony Fauci ha sollecitato il rispetto delle linee guida federali: "La mia preoccupazione è che alcune aree, città o Stati saltino i passaggi e aprano prematuramente senza avere la capacità di essere in grado di rispondere in modo efficace. La mia preoccupazione è che inizieremo a vedere piccoli picchi che potrebbero trasformarsi in focolai ".

Fauci invita al rispetto delle linee guida federali ma gli Stati vanno in ordine sparso

L'invito di Fauci è a rispettare le linee guida federali però potrebbe restare una frase al vento dato che queste non hanno valore cogente nei singoli Stati. Fauci ha anche detto che l'epidemia negli Stati Uniti non è sotto controllo e che è irrealistico pensare a un vaccino prima di uno o due anni. Posizioni diametralmente opposte a quelle di Trump che invece, aveva affermato che il Paese fa passi da gigante e con oltre 30 milioni di disoccupati preme per la ripresa delle attività.

In una ventina di Stati il confinamento, che pure non è mai stato imposto a livello federale, è finito, per esempio in Florida, pian piano si riprende la vita di sempre: in spiagge e locali, nelle città dove si è riaperto, la distanza fisica è spesso un miraggio.

Tutto mentre gli Stati Uniti sono il Paese più colpito con oltre 83mila vittime per il coronavirus che al mondo ha ormai infettato oltre 4,2 milioni di persone e fatto oltre 292.000 vite.