ULTIM'ORA
This content is not available in your region

L'Ungheria non è più una democrazia secondo l'organizzazione Freedom House

L'Ungheria non è più una democrazia secondo l'organizzazione Freedom House
Diritti d'autore  Szerzői jogok Illyés Tibor/MTVA
Dimensioni di testo Aa Aa

Nel rapporto Freedom House Nations in Transit del 2005, l'Ungheria era tra i principali paesi a rischio. Secondo l'ultimo rapporto invece, non c'è più democrazia nel paese.

L'Ungheria non è più una democrazia, ma un regime ibrido, a dirlo un documento del 2020 di Freedom House, un'organizzazione per i diritti civili americana. Il documento è Nations in Transit che esamina l'applicazione dei principi della democrazia nella regione post-sovietica e nell'ex blocco orientale.

Durante i 25 anni di storia del rapporto, il declino ungherese è il più ripido: 15 anni fa l'Ungheria era ancora in prima linea e ora è il primo stato a ricadere in due categorie di sistema e a non essere più classificato come democrazia.

Grafico: calo ungherese e polacco, alla pari della situazione in Serbia e Montenegro

Freedom HouseAlberto

Mentre in Ungheria il declino è stato continuo dal 2010, la Polonia ha iniziato a diminuire negli ultimi 5 anni. In Ungheria, la situazione si è deteriorata rapidamente nei due anni successivi alla prima vittoria di Fidesz. La democrazia un tempo sicuramente solida si è avvicinata alla democrazia semi-solida. Nell'anno successivo alla vittoria dei due terzi di Fidesz nel rapporto del 2015, l'Ungheria era scesa di una categoria, vale a dire tra le democrazie semi-solide. Anno dopo anno il paese è scivolato verso la categoria del regime ibrido.

Nel rapporto 2020 il paese è sceso ancora nella categoria del regime ibrido di 0,4 punti, nonostante un peggioramento inferiore rispetto agli anni precedenti. Nel 2010, più di un punto e mezzo separava ancora l'Ungheria e la Serbia.

Cosa significa classificazione del regime ibrido?

Le elezioni si svolgono normalmente anche nei paesi sotto osservazione, ma le istituzioni democratiche sono fragili e le libertà politiche e civili pongono sfide fondamentali. Secondo il rapporto, oltre a Ungheria, Albania, Bosnia ed Erzegovina, Macedonia settentrionale, Georgia, Kosovo, Moldavia, Montenegro, Serbia e Ucraina sono regimi ibridi.

Il punto di democrazia di ciascun paese è calcolato sulla base di 7 indicatori. Le categorie comprendono la corruzione, lo stato della magistratura, il sistema elettorale, la società civile, l'indipendenza dei media e il funzionamento democratico del governo locale (municipale) e nazionale. In Ungheria, la situazione si è deteriorata in tre categorie dal rapporto dell'anno scorso: il sistema elettorale, la corruzione e il governo locale.

"Freedom House sta diminuendo la sua influenza e quella del suo finanziatore Soros", ha scritto Zoltán Kovács, Segretario di Stato per le comunicazioni e le relazioni internazionali, commentando il rapporto e descrivendo l'organizzazione di difesa americana come il "pugno di ferro della rete Soros". Secondo Kovács, declassano chiunque non sia d'accordo con le loro opinioni liberali. Nel suo blog, il Segretario di Stato ungherese ha criticato Freedom House per aver lavorato con analisti liberali di sinistra e nei loro rapporti la situazione in Ungheria è rimasta stagnante sotto i governi di sinistra e si è deteriorata durante i governi di Fidesz. Secondo il Segretario di Stato, oggi nessuno prende sul serio l'organizzazione che una volta era determinante.