ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid 19: l'Europa blindata pensa alla ripartenza

euronews_icons_loading
Covid 19: l'Europa blindata pensa alla ripartenza
Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Dall'uso obbligatorio delle mascherine al ricorso massiccio ai test per accertare Covid 19 sino alle misure di confinamento: la risposta dell'Europa al coronavirus.

Germania: mascherine obbligatorie sui mezzi pubblici

Pensare la ripartenza. Fino al 3 maggio, in Germania, continua a valere il divieto di circolare in più di due persone e l’obbligo di tenere una distanza minima di 1,5 metri. Cresce il numero di Stati federali che hanno annunciato l'obbligo di indossare le mascherine protettive sui mezzi pubblici, dalla Baviera alla Pomerania sino alla capitale Berlino

Il ministro degli Esteri tedesco, Heiko Maas, ha dettato le linee guida per i giorni a venire: "La nostra principale responsabilità, su tutto il territorio, è quella di contenere la diffusione del virus. Stiamo lavorando duramente su questo - ha detto Maas - lavoriamo anche per ridurre o, dove possibile, impedire il contatto fisico; per questo continueranno le limitazioni alla libertà di movimento, nessuno deve farsi illusioni a riguardo".

Regno Unito: ricorso massiccio ai test per accertare Covid 19

Nel Regno Unito, dove il numero di decessi di Covid 19 è aumentato di 823 unità per un totale di oltre 17mila ( 17.337 ) vittime, le autorità sanitarie hanno effettuato oltre 18.000 test in 24 ore e hanno rilevato 4.301 nuovi casi confermati della malattia.
Dall'inizio della pandemia sono quasi 130mila (129.044) le persone infettate per una curva epidemica che ancora non accenna a diminuire

Francia: il confinamento ha dato i suoi risultati

Continua la serrata in Francia: scadenza prevista l'11 maggio.
Secondo i ricercatori dell'Istituto Pasteur, della Sanità Pubblica in Francia e dell'Inserm, "il confinamento ha avuto un massiccio impatto sulla diffusione di Covid 19. Secondo i loro calcoli, il numero di individui contaminati da ogni persona infetta è sceso da 3,3 (prima dell'attuazione del confinamento del 17 marzo) a 0,5, con una riduzione dell'84%.