ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid-19: Pasqua blindata in Bulgaria, con la paura del contagio

euronews_icons_loading
Covid-19: Pasqua blindata in Bulgaria, con la paura del contagio
Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

In Bulgaria il coronavirus, stando ai numeri ufficiali, ha graziato i più ma si diffonde rapido. La paura dunque è tanta e Sofia è diventata zona rossa in occasione della Pasqua ortodossa, questo weekend.

Altre restrizioni resta no in atto, vietati i funerali, ad esempio, ma le misure barriera, come il mantenimento della distanza fisica, sono poco più che raccomandazioni.

La Bulgaria non è mai stata così severa come l'Europa occidentale. Non c'è mai stato un blocco completo obbligatorio, ad esempio, nemmeno per le imprese.

Ristoranti, bar e centri commerciali sono ora chiusi per evitare grandi raduni. Il turismo è il settore più colpito con cancellazioni di massa. Ma le attività non essenziali stanno lentamente riaprendo pressate dalla crisi economica.

La disoccupazione è già aumentata del 2% e il governo è stato criticato per la sua lentezza nella gestione dell'epidemia e delle sue conseguenze. Ha promesso, ad esempio, di pagare il 60% degli stipendi dei lavoratori, se i datori di lavoro non li avessero licenziati, ma sono passate diverse settimane prima che la misura si riuscisse ad attuare.

Tomislav Donchev, il vice primo ministro, lascia intendere di essere contrario a un confinamento rigido: “Ogni misura rigorosa ha il suo costo sociale ed economico. Più rigorose sono le misure, maggiori saranno le perdite. Oggi stiamo avviando nuovi provvedimenti per le piccole imprese, con un massimo di 15 dipendenti. Riceveranno un aiuta fondo perduto tra i 5 ei 10 000 euro, per pagare le bollette o qualunque altra spesa. "

La Bulgaria conta una quarantina di decessi per coronavirus e un migliaio di contagiati ma ha visto un'impennata nel contagio negli ultimi giorni. Due gradi quartieri rom a Sofia sono stati messi in quarantena. Anche se gli ospedali sono ancora lontani dalla saturazione, le autorità stanno rafforzando i controlli nelle principali città. Parola d'ordine: evitare gite pasquali.