ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La mutazione della criminalità al tempo del coronavirus

euronews_icons_loading
La mutazione della criminalità al tempo del coronavirus
Diritti d'autore  AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Il confinamento generalizzato e non solo in Italia ostacola la piccola criminalità e quella legata al commercio tradizionale ma l'allerta ¨è grande sulle trasformazioni degli apparati mafiosi e criminali che potrebbero manipolare le tensioni sociali generando azioni illegali in grande stile sia finanziarie che illeciti su internet.

Il Segretario generale di Interpol Jürgen Stock parla delle nuove minacce che adesso giocano la variante dell'emergenza sanitaria. E spiega il grande ritorno di un classico nel tentativo di frode: "Bisognerebbe stare molto in guardia quando sconosciuti chiamano inventando bugie - spiega Stock - abbiamo per esempio la frode telefonica, non completamente nuova, che non tende a derubare solo le persone anziane, come accadeva in passato, quando si riceveva una chiamata da chi si spacciava per personale sanitario o sergreteriati di ospedali per segnalare la presenza di un parente che ha avuto un gravissimo incidente, non può parlare e ha bisogno di soldi per le cure mediche urgenti".

Le varianti della minaccia

C'è anche lo slancio di solidarietà per l'emergenza coronavirus che deve essere incanalato solo verso organismi certi e conti bancari certificati da organismi ufficiali o dagli stati. Purtropppo in tutte le tragedie fioriscono vari tipi di sciacallaggio. "Il nostro è un lavoro pesante - prosegue Stock - ovviamente ho parlato di contrabbando, traffico di farmaci e stupefacenti. I servizi di polizia devono stabilire le priorità e non solo, è importante che vengano utilizzate piattaforme come Interpol per coordinare le nostre attività, continuare a condividere informazioni pertinenti sulla criminalità internazionale, sul terrorismo internazionale, il crimine informatico globale sempre vigile e quindi ancora la piattaforma globale di Interpol è cruciale per ottimizzare i controlli e rendere più efficiente le risorse disponibili".

Il florilegio delle speculazini sulle mascherine e farmaci

I traffici illeciti puntano adesso all'enorme massa di richiese sui presidi sanitari come le macherine ma anche le soluzioni idroalcoliche che servono a tutti e che pretendono una produzione e diffusione planetaria. I Carabinieri come le altre forze di polizia in Italia sono molto impegnati nel controllo e il sequestro di partite finite in mani di speculatori senza scrupoli che sul web moltiplicano per 50 il prezzo di vendita di una mascherina che costerebbe 50 centesimi di Euro.