ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Coronavirus, solidarietà: Germania prende pazienti, Albania invia medici

euronews_icons_loading
Coronavirus, solidarietà: Germania prende pazienti, Albania invia medici
Diritti d'autore  Marcel Kusch/dpa via AP
Dimensioni di testo Aa Aa

La solidarietà all'interno dell'Unione europea - messa a dura prova dalla rapida diffusione del Covid-19 - inizia a farsi sentire. Domenica un elicottero militare ha trasferito due pazienti da Metz, nel nord-est della Francia, verso la Germania. La vigilia, l'esercito tedesco aveva prelevato sei malati dalla bergamasca, per portarli a Colonia, nel Land della Renania Settentrionale-Vestfalia. Diversi governi statali tedeschi si sono offerti di accogliere pazienti provenienti dall'Italia. "Credo che dopo la crisi ci sarà bisogno di più Europa", spiega il ministro delle Finanze tedesco, Olaf Scholz. "La solidarietà è ora necessaria nel nostro Paese, in Europa e anche nel mondo".

E i Coronabond?

Una solidarietà che non si era di certo palesata pochi giorni prima, durante il vertice in video conferenza sui Coronabond. Durante un'intervista all'agenzia di stampa tedesca Dpa, la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen si era lasciata scappare che la Commissione "non stava pianificando l’emissione di bond, per raccogliere miliardi da destinare all’emergenza del coronavirus". Una fumata nera, che il Presidente del Consiglio italiano, Giuseppe Conte, non ha digerito: "L'Europa deve dimostrare se è all'altezza di questa chiamata della storia", ha dichiarato il premier. "La storia non avverte quando arriva, soprattutto con un'emergenza così inaudita, inopinata e inaspettata da tutti".

Aiuti da Albania e Repubblica Ceca

L'Italia, il Paese al mondo con il maggior numero di morti per il nuovo coronavirus, sta ricevendo aiuti da ogni angolo: Cina, Russia, Cuba e ora anche Albania, da dove sono stati inviati trenta medici e infermieri. Questo gruppo di operatori sanitari lavorerà negli ospedali di Brescia e Bergamo, le zone più colpite dalla pandemia.

E le autorità della Repubblica Ceca hanno inviato questa domenica in Spagna e Italia, tute protettive usa e getta per il personale medico locale. 10.000 pezzi per Paese, che Praga aveva ricevuto dalla Cina.