ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Romania, a Bucarest l'inquinamento atmosferico sta raggiungendo livelli insostenibili

Romania, a Bucarest l'inquinamento atmosferico sta raggiungendo livelli insostenibili
Diritti d'autore  AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

Gli ambientalisti rumeni sono sul piede di guerra a causa dei livelli di inquinamento atmosferico nella capitale Bucarest.

Secondo la piattaforma di monitoraggio airly.ro, il particolato (PM2.5) - minuscoli particelle emesse da industrie e veicoli - ha superato del mille percento i limiti considerati accettabili. Fuori dal ministero dell'ambiente rumeno si è tenuta una manifestazione, maschere antigas indosso. "Le politiche ambientali [in Romania] sono mal sviluppate e mal attuate", ha detto a Euronews Magor Csibi, attivista ed ex eurodeputato. "Ci mancano trasporti pubblici decenti, spazi verdi urbani, requisiti minimi per la gestione dei rifiuti e una corretta pianificazione urbana".

Siamo diventati il cimitero europeo delle auto usate con un alto livello di emissioni tossiche
Magor Csibi

Il precedente governo guidato dai socialdemocratici ha rinunciato a tassare le auto inquinanti, e così migliaia di veicoli di seconda mano continuano ad essere importati nel Paese e a finire per le strade di Bucarest. Il mese scorso, il sindaco della capitale, Gabriela Firea, ha smesso di applicare tasse alle auto più vecchie. Una misura considerata puro populismo dalle opposizioni in vista delle elezioni locali di quest'anno.

Le linee guida dell'Organizzazione Mondiale della Sanità dicono che il PM2.5 non dovrebbe superare i 25 ug/m3 in un arco di 24 ore. Secondo airly.ro, il 2 marzo ha raggiunto i 263 ug/m3.

Oana Neneciu, direttore esecutivo di aerlive.ro, altro sito di monitoraggio indipendente, ha indicato a Euronews che la situazione è disastrosa e la scarsa qualità dell'aria colpisce i cittadini più vulnerabili.

"Abbiamo monitorato la qualità dell'aria negli ultimi 10 anni. Ci siamo resi conto che le istituzioni responsabili non hanno fatto nulla. Solo creando una rete indipendente per monitorare l'inquinamento siamo riusciti a rivelare cosa sta realmente accadendo con la qualità dell'aria che respiriamo".

Il ministero dell'ambiente rumeno ha ammesso che i normali livelli di inquinamento a Bucarest sono stati superati di otto volte, la scorsa settimana. Ha dato la colpa agli incendi e alla combustione di rifiuti.

Costel Alexe, il responsabile del dicastero dell'Ambiente, ha ordinato un nuovo monitoraggio e ha indicato nel traffico una possibile causa delle emissioni inquinanti. In un post su Facebook ha scritto che il ministero sta indagando anche sulle aziende che bruciano rifiuti illegalmente.

"La qualità dell'aria è una questione di sicurezza nazionale e dovrebbe essere trattata di conseguenza", ha riferito il suo addetto stampa a Euronews. "Il ministero continuerà le sue indagini, comprese quelle sulle aziende che gestiscono i rifiuti".

"La qualità dell'aria a Bucarest è una seria minaccia e può essere collegata ad oltre 23mila decessi prematuri ogni anno".

Bruxelles ha già criticato la Romania per la pessima qualità dell'aria, avviando un'azione legale per i livelli eccessivi di inquinamento atmosferico in tre città: Iasi, Bucarest e Brasov.