ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Romania: dove si brucia (illegalmente) la spazzatura d'Europa

euronews_icons_loading
Romania: dove si brucia (illegalmente) la spazzatura d'Europa
Diritti d'autore
fermo immagine del video
Dimensioni di testo Aa Aa

Portare spazzatura per lo stoccaggio in Romania è vietato, ma molte aziende aggirano la legge facendola passare per normale merce. Una volta in Romania questi rifiuti vengono bruciati dentro i cementifici al modico costo di 17 euro per tonnellata. Ma quel che è peggio è che vengono trattati così anche rifiuti speciali.

fermo immagine del video
Romana Puiuletfermo immagine del video

"Abbiamo documentato dei casi in cui sopra le ballle c'era un codice relativo a un certo tipo di rifiuto, ma al suo interno c'era qualcos'altro: rifiuti contaminati, persino rifiuti ospedalieri o semplici rifiuti urbani - dice Romana Puiulet, giornalista d'inchiesta del Progetto RISE - Non esiste un monitoraggio speciale alle frontiere, dove questo traffico potrebbe essere fermato".

Oltre alle fabbriche di cemento, questi scarti finiscono anche negli inceneritori con la complicitià di alcune autorità locali rumene. E vengono così trasformati in energia. Ma le Ong ambientaliste lanciano l'allarme: bruciare così rifiuti misti non è un modo sicuro per smaltirli.

fermo immagine del video
Marius Cobazanfermo immagine del video

"Non è una buona soluzione - dice Marius Cobazan della Ong Zero Waste Romania, le emissioni di diossina e furano sono un vero pericolo per la popolazione. Per il momento, non sono affatto misurate e semplicemente non sappiamo quanto sia alto il livello di tossicità nell'aria".

La Romania ha una raccolta differenziata quasi inesistente e ricicla meno del 15%. Ciò ha portato a procedure di infrazione da parte della Commissione europea. Bucarest ha solo tre discariche e una di queste non è completamente funzionante al momento. La capitale è in piena emergenza.

"La Commissione europea ha raccomandato che i sistemi integrati di gestione dei rifiuti, le discariche di rifiuti ecologici e gli inceneritori non ricevano finanziamenti nell'ambito del bilancio effettivo. La priorità nazionale è aumentare la raccolta differenziata e il riciclo, che è poco più del 13 percento" dice il ministro dell'Ambiente rumeno, Costel Alexe.

Nella sola Bucarest - una città che rappresenta il 10% della popolazione - le famiglie producono ogni anno oltre 1 milione di tonnellate di rifiuti. E con una discarica non completamente funzionante, non si riesce a stoccare tutto. Quindi, le persone trovano altre soluzioni; alcuni semplicemente gettano la spazzatura per strada

Due anni fa, la Corte di giustizia europea ha ordinato la chiusura di 68 discariche, che avrebbero dovuto esser già sigillate entro il 2009. 48 sono ancora in attività oggi.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.