EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

L'addio al tennis della campionessa e icona glam Maria Sharapova

L'addio al tennis della campionessa e icona glam Maria Sharapova
Diritti d'autore AP Photo/Bernat Armangue, FileBernat Armangue
Diritti d'autore AP Photo/Bernat Armangue, File
Di Stefania De Michele
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'ex numero 1 al mondo si ritira dopo una carriera fulminante ma segnata dagli infortuni

PUBBLICITÀ

Sempre in bilico tra l'essere molto brava e molto bella, Maria Sharapova ha deciso di essere entrambe: cinque Slam e 36 titoli complessivi, un'icona di stile anche fuori dal campo, la campionessa russa ha deciso però di lasciare il tennis, a modo suo, come sempre, con una lettera a Vanity Fair.

Nel tweet: "Maria Sharapova lascia il tennis. In un pezzo esclusivo per Vanity Fair e Vogue, la leggenda del tennis riflette sulla sua carriera, guarda al suo futuro e chiede: Come si fa a lasciarsi alle spalle l'unica vita che abbia mai conosciuto?"

Bella e brava, Sharapova molla dunque all'età di 32 anni, dopo aver imbracciato la racchetta per quasi 28. Primo scambio a rete, all'età di 4 anni, su un campo della periferia di Sochi. Un talento esploso nell'epica vittoria di Wimbledon del 2004 contro la fuoriclasse Serena Williams. Da allora una sequenza di successi, scandita dalla fama glamour che l'ha accompagnata lungo tutto il suo percorso. Con qualche brutto scivolone come la squalifica per aver assunto una sostanza proibita nel gennaio del 2016.

Da allora gli acciacchi hanno condizionato le performance e abbattuto le aspettative a cui Sharapova aveva abituato se stessa e tutti gli appassionati di tennis. Meglio ritirarsi dunque, e in fondo è un atto d'amore.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Us Open: rientro e trionfo per Maria Sharapova

Dopo 15 mesi di squalifica torna a giocare la tennista russa Maria Sharapova

Euro 2024, semifinali: giorno decisivo per Inghilterra-Svizzera e Olanda-Turchia