ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Era pedinato dall'antiterrorismo l'accoltellatore ucciso a Londra

euronews_icons_loading
Era pedinato dall'antiterrorismo l'accoltellatore ucciso a Londra
Diritti d'autore  AP Photo/Alberto Pezzali
Dimensioni di testo Aa Aa

Era uscito di prigione poco tempo fa, dopo aver scontato pene per reati di terrorismo, il giovane ucciso a Londra dalla polizia dopo che ha accoltellato due persone in Streatham High Road, nel sud della città. Mentre continuano i rilievi sul luogo dell'aggressione, gli inquirenti hanno svelato l'identità del giovane: Sudesh Amman, 20 anni, con alle spalle condanne per aver diffuso on line dei video inneggianti al terrorismo islamico.

"Al momento dell'attacco Amman era seguito da un gruppo di agenti armati nel quadro di una operazione antiterrorismo, che hanno reagito uccidendolo", spiega la dirigente della polizia metropolitana Lucy D'Orsi. La ricostruzione è sostenuta dalle immagini filmate sul posto, e che mostrano gli agenti puntare le loro pistole verso il sospetto. Altri video pubblicati sul web mostrano il corpo senza vita del ventenne, riverso a terra.

Secondo le prime ricotruzioni, il ventenne sarebbe entrato in un negozio dove avrebbe cominciato ad accoltellare alcune persone. L'attentatore indossava qualcosa di simile a un giubbotto antiproiettile o a una cintura esplosiva, rivelatasi poi un falso dispositivo. I testimoni della sparatoria raccontano le fasi concitate dell'intervento degli agenti, che dopo aver intimato l'alt hanno aperto il fuoco sull'aggressore: "C'erano molte persone e molti bambini in giro, c'era gente, come ogni domenica questa strada è molto frequentata."

Prima conseguenza dell'attentato, l'annuncio del governo di nuove misure antiterrorismo. La ministra dell'Interno, Priti Patel: "Saranno misure basate su azioni già messe in atto rapidamente accrescendo gli investimenti per la polizia antiterrorismo, cambiando il regime premiale per i responsabili di reati di terrorismo e cancellando il ritorno in libertà anticipato per chi si macchia di questi reati".

Le indagini adesso puntano a determinare se l'azione del ventenne sia stata pianificata e se il ragazzo abbia agito con l'aiuto di eventuali complici.