ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Tirolo, epidemia di influenza. Il virus uccide fino a 70mila europei ogni anno

Tirolo, epidemia di influenza. Il virus uccide fino a 70mila europei ogni anno
Diritti d'autore
Hyttalo Souza / Unsplash
Dimensioni di testo Aa Aa

In Tirolo, Austria, due scuole sono state costrette a sospendere le lezioni a causa di un'epidemia di influenza.

Gli esperti approfittano dell'attenzione mediatica generata dal coronavirus per ricordare che di influenza muoiono fino a 70mila persone ogni anno in Europa. Sono tra i 4 e i 50 milioni i contagiati, secondo il Centro Europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie.

La chiusura dei due istituti elementari è stata decisa dopo aver appreso che il 50% degli alunni in un caso, e il 30% degli studenti in un altro, era a casa in malattia, sotto le coperte. "Non abbiamo mai visto un contagio su scala così larga negli ultimi anni", le parole della dottoressa Anita Luckner-Hornischer, della Direzione regionale della sanità del Tirolo, ad Euronews. "La vaccinazione contro l'influenza può prevenire in molti casi la malattia, non in tutti, ma viene significativamente ridotto il rischio di complicazioni".

Nella regione alcune scuole avevano chiuso per influenza anche prima delle festività natalizie. In Austria, le autorità ricevono notizia dei casi di influenza direttamente dai direttori scolastici.

Negli istituti con bambini piccoli, il virus può diffondersi rapidamente, ha spiegato Luckner-Hornischer: "Per via della loro giovane età, i bambini non sono mai stati esposti all'agente patogeno e quindi non hanno mai sviluppato immunità parziali".

Le autorità sanitarie hanno invitato tutti a vaccinarsi. Il periodo influenzale, ha aggiunto l'esperta, quest'anno è iniziato prima rispetto agli anni precedenti.

"Le strutture pubbliche sono un grande focolaio dell'infezione influenzale".

Come nella maggior parte dei paesi europei, il cosiddetto tasso di vaccinazione in Austria è molto basso: meno del 10% della popolazione è vaccinata contro l'influenza.

Dal punto di vista epidemiologico, vaccinare i bambini è importante perché possono portare il virus a casa e infettare i genitori e possibilmente i nonni malati, per i quali il decorso della malattia può essere fatale.

Secondo Luckner-Hornischer, la popolazione sottovaluta la gravità di questa malattia. "Solo quando hai sperimentato tu stesso l'influenza o quando l'hai sperimentata a casa di un parente puoi vedere quanto possa essere grave e quanto tempo ci voglia per guarire dall'infezione".

Ai bambini infettati a Vomperbach e Schönberg è stato consigliato di rimanere a casa per 10 giorni e di tornare a scuola solo dopo tre giorni passati senza avere la febbre.

Al momento si registra un'intensità più elevata in Svizzera, Austria, Slovenia, Grecia, Albania, Macedonia del Nord, Georgia e Lettonia.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.